Il nuovo articolo 117 della Riforma Costituzionale Renzi-Boschi.

Da quando esiste la campagna elettorale pro o contro il Referendum Costituzionale del 4 Dicembre, esiste anche il diritto valido e sancito dall’art. 21 della Costituzione della Repubblica Italiana di dire la propria liberamente e senza censura.

Questa libertà, tuttavia, ci porta a dire e condividere cose che non stanno né in cielo né in terra, con lo scopo di coinvolgere quante più persone possibili e portarle dalla nostra parte.

Quello che sta succedendo con la campagna referendaria è sotto gli occhi di tutti. Da un lato i sostenitori del No incitano il popolo a non accettare una riforma che stravolge 47 articoli della Costituzione. Dall’altro i sostenitori del Sì chiedono a gran voce di accettare quelle modifiche per avere maggiore governabilità. Il mio punto di vista è stato già palesato da un articolo che ho scritto dove condividevo con tutti il mio ragionamento e non voglio tornarci più. Quello che voglio fare adesso è, invece, cercare di analizzare un articolo che, a detta di molti sostenitori del No, consegnerebbe la nazione nelle mani dell’Unione Europea, portandoci a sacrificare la nostra sovranità a favore di Bruxelles.

L’articolo 117 della Costituzione attuale recita:

“La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali.”

Quello nuovo invece:

“La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea e dagli obblighi internazionali.”

Cosa cambia?

Si passa da “ordinamento comunitario” a “ordinamento dell’Unione europea”.

Quindi è vero che se vince il Sì, l’Italia sarà obbligata a sottostare ai vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea? Sì.

Cosa succede se vince il No? La stessa, identica, cosa.

Perché questa modifica, dunque?

L’Unione europea attuale è il frutto di anni e anni di evoluzione. Nasce come Comunità europea del carbone e dell’acciaio nel 1950 e si evolve man mano in:

Proprio in quest’anno (1992), tutti i trattati esistenti fino a quel momento, vengono unificati e messi sotto un’unica voce, creando, di fatto, l’Europa che conosciamo oggi.

Perché la revisione?

Semplicemente perché prima esisteva la CEE (Comunità Economica Europea) e oggi esiste l’UE (Unione europea).

Se andiamo avanti nel confronto tra il prima e il dopo, notiamo che nei vari comma del testo proposto dalla riforma non si parla più di UE. Quello che viene descritto è, nel dettaglio, quali sono gli ambiti legislativi sui quali si può intervenire sul territorio nazionale. Punto. Non è vero che si aggiunge la supremazia dell’UE sull’ordinamento italiano. Aggiungo anche una cosa fondamentale: l’UE prevede, nel suo ordinamento, il principio di Sussidiarietà che sancisce l’intervento della Comunità Europea (trattato di Maastricht del 1992) solo ed esclusivamente per temi e ambiti comunitari. Per capirci, l’UE non ha nessun diritto di dire ai Paesi membri come gestire la sanità e le politiche del lavoro, ma ha diritto di dire a questi come tutelare il commercio comunitario. Se l’Italia decidesse di reintrodurre i dazi doganali, per esempio, andrebbe contro l’ordinamento comunitario e i suoi pilastri, che sanciscono proprio la libera circolazione di merci, di persone e di capitali. In quel caso è giusto intervenire per il principio di sussidiarietà per tutelare l’ordinamento comunitario.

La riforma non modifica la Costituzione a favore dell’UE.

Il mio punto di vista sul Referendum costituzionale e perché voto Sì.

Ero indeciso. Mi sono confrontato con molte persone, con chi vota No e con chi vota Sì.

La mia indecisione si è sempre manifestata in maniera netta e anche fastidiosa. Mi chiedevo come fosse possibile, alla mia età, non riuscire a prendere una posizione. Mi chiedevo come mai chi sostiene il No lo faccia con tanta passione e veemenza al pari di chi sostiene il Sì.

E non capivo perché io, proprio io, oggi, fossi più confuso che persuaso.

Allora ho deciso di leggere le ragioni del No e quelle del Sì. Ho scoperto siti propagandistici che anziché migliorare la situazione l’hanno peggiorata. Chi vota No, molto spesso, lo fa giustificando la sua scelta in questo modo: “Voto NO perché così Renzi va a casa”. Chi sostiene il Sì, molto spesso, giustifica la sua decisione con un: “Voglio cambiare e questa è l’occasione giusta”. Un casino, vero?

Senza contare che se voti Sì, sei un pazzo, falso, pdiota, asservito al potere, incosciente e hai in mano il futuro delle nuove generazioni che manderai allo sbando creando la situazione perfetta per una deriva autoritaria.

Se voti No, sei un Grillino, pazzoide, populista, demagogo, ignorante, incapace, attaccato alla poltrona, persona che non vuole cambiare, tifoso, lobotomizzato, schiavo del web, associato con la Casaleggio.

Vedete, al di là dei meriti di ogni fazione, io credo che la scelta debba essere fatta con coscienza: a me non è bastato sentire le ragioni del Sì o del No. Non è bastato leggere i volantini propagandistici di entrambe le parti. Non mi è bastato leggere che “per una legge d’iniziativa popolare adesso ci vogliono 150 mila firme anziché 50 mila e quindi non vogliono che il popolo sia partecipe. Gli vogliono mettere i bastoni tra le ruote!”. Dove si trova l’altra metà della modifica? Quella che dice che “il parlamento ha l’obbligo di discutere la legge”. Scusate se è poco, sostenitori del No. Non è poco avere la possibilità di vedere una legge di iniziativa popolare discussa obbligatoriamente dalla Camera. Oggi molte leggi di iniziativa popolare vengono messe nel cassetto e nemmeno degnate di considerazione. Onestamente la vedo come una cosa molto positiva. Ed è inutile che qualcuno mi dica: “perché non mettere l’obbligo di discussione lasciando le firme a 50 mila?” Perché molte proposte di merda dovrebbero essere discusse con uno spreco di tempo notevole. Il fatto che le firme passino da 50 mila a 150 mila, per me, indica che ci sarà una notevole scrematura alla fonte tra le leggi di merda e quelle valide. Sarà il popolo a decidere se la legge è valida per essere presentata o no. E, fidatevi, se la legge è valida, 100 mila cittadini in più la firmeranno senza problemi.

Ma andiamo per ordine e vediamo di capire, punto per punto, se la modifica è conveniente o no.

Leggi di iniziativa popolare: parere espresso sopra. Preferisco raccogliere 100 mila firme in più e avere la garanzia che la Camera discuta e voti la mia legge piuttosto che raccoglierne 50 mila e vedere la mia proposta di legge buttata in un cassetto.
Mi piace.


Referendum abrogativo: Adesso ci vogliono 500 mila firme per promuovere un referendum per abrogare una legge che non ci piace. Se il 50% + 1 degli aventi diritto va a votare il referendum è valido. Se vanno a votare meno persone, qualsiasi sia l’esito, questo non sarà valido. Questo è il cosiddetto quorum. Con la riforma se raccogliamo 500 mila firme avremo la possibilità di abrogare la legge con la situazione attuale. Se raccogliamo 800 mila firme, invece, il quorum scenderà al 50% + 1 degli elettori che sono andati a votare alle ultime elezioni politiche (quindi i cittadini realmente attivi). In parole povere, se alle ultime elezioni 15 milioni di cittadini sono andati a votare, basterà che la metà più uno di essi vada alle urne per rendere valido il Referendum abrogativo (7.500.001 persone).
Mi piace.


Abolizione del CNEL: Non la commento nemmeno. Mi piace.


Poteri dell’esecutivo: Attualmente l’articolo 72 prevede una procedura abbreviata per poter approvare una legge “per motivi d’urgenza”. Ora, da quando seguo la politica, ho visto sempre qualsiasi Governo usare questa opzione per fare votare leggi importanti per il programma e per il Premier. Berlusconi ha fatto approvare nei suoi governi la media di 3,80 decreti legge al mese. Prodi nel lontano 1996 ne fece 8,3. Renzi ha abusato di questa opzione più di due volte al mese. Con la nuova Costituzione viene introdotta la “via preferenziale”, ossia il “voto a data certa”. In questo modo il Governo può chiedere alla Camera di inserire un testo e votarlo entro 70 giorni. La Camera può approvare o no questo Iter. Non credo che questa modifica dia più potere al Presidente del Consiglio. La riforma proposta da Berlusconi, invece, dava palese potere al Premier, permettendogli di sciogliere le Camere. Ed è proprio strano che proprio lui, adesso, parli di deriva autoritaria.
Va bene.


Competenze delle Regioni: Punto molto importante della riforma. Attualmente le competenze sono divise tra “esclusive” e “concorrenti”. Lo Stato adesso ha competenze da condividere con la Regione in materia di “energia, trasporti, ricerca, protezione civile, sanità e diverse norme che riguardano professioni e lavoro”. Cosa significa questo? Che se lo Stato vuole costruire un’autostrada, la Regione ha il diritto di dire la sua in materia. Se lo Stato vuole costruire una centrale nucleare, la Regione può dire la sua in merito. Cosa cambia se vince il Sì? Che materie come energia, trasporti e infrastrutture, materie strategiche e di rilievo nazionale, la sicurezza sul lavoro, la protezione civile e la ricerca scientifica tornano di competenza statale. Alle Regioni rimane la competenza in materie come “tutela della salute, politiche sociali e sicurezza alimentare, istruzione, ordinamento scolastico”. Viene inoltre introdotta la “clausola di supremazia” che permette allo Stato di intervenire su questioni di non competenza per tutelare l’unità della Repubblica e l’interesse nazionale. Questa norma non riguarda le Regioni a Statuto Speciale, come la Sicilia, che continueranno ad avere competenze esclusive e non saranno toccate dalla Riforma. La mia conclusione: sono d’accordo in parte. Da un lato, nelle regioni più clientelari e soggette alla presenza radicata delle mafie, questa modifica potrebbe essere positiva. Si toglierebbe la gestione di certe cose alla Regione, portando lo Stato a decidere in materia. Dall’altro lato, però, il fatto che ci sia la “clausola di supremazia” non mi piace. Non possiamo dare potere assoluto allo Stato a prescindere. E non possiamo escludere dalla riforma le Regioni a Statuto Speciale come la Sicilia che, dello Statuto Speciale, ha fatto carne di porco. La questione delle competenze dovrebbe essere molto più chiara e non lasciata al caso.
Non mi piace.


Abolizione delle Province: Attualmente le Province sono state “ridiscusse” dalla legge Delrio del 2014 che non ha portato, di fatto, ad una scomparsa di esse. Con la riforma, nell’articolo 114, saranno definitivamente abolite. Nella nuova Carta si dice che la Repubblica sarà costituita solo da “Comuni, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato”. Molti dicono che questa è una modifica truffa, perché la legge Delrio non le ha soppresse come si vuole far credere ed avverrà la stessa cosa adesso. In realtà non può essere una truffa e il motivo è semplice: la soppressione di qualcosa che è previsto dalla Costituzione non è possibile, così come non è possibile il mantenimento di qualcosa che non è previsto da essa. Se il testo dice che la Repubblica è formata da comuni, città metropolitane, regioni e stato, la provincia non può esistere. Cancelliamole dalla Carta per cancellarle di fatto.
Mi piace.


Abolizione del bicameralismo paritario – Senato: eccoci al punto più importante della riforma.
Iniziamo con il descrivere la situazione attuale.
Il Senato della Repubblica è composto di 315 membri eletti direttamente dai cittadini
a cui diamo uno stipendio e che prendono pure i rimborsi per le spese sostenute durante il loro mandato, più i Senatori a vita eletti dal Presidente della Repubblica che, a sua volta, diventerà Senatore a vita per diritto dopo il suo mandato. Il compito del Senato è quello di dare la fiducia al Governo insieme alla Camera dei Deputati. Essendo eletto su base regionale e nello stesso giorno delle elezioni politiche dai maggiori di 25 anni, permette a questi ultimi di scegliere dei candidati a livello regionale da mandare in rappresentanza dei territori locali (minimo 7 per Regione tranne Molise e Valle d’Aosta che ne hanno rispettivamente 2 e 1) in Parlamento per poter votare le leggi proposte dal Governo o per proporre leggi di iniziativa parlamentare o partitica. Una legge, infatti, per poter essere approvata, deve avere la votazione positiva di entrambe le Camere. Se la legge viene votata positivamente dalla Camera, essa passa al Senato che la esamina e dà il proprio voto. Se la legge non piace, ritorna indietro con delle modifiche (emendamenti). La Camera può approvare gli emendamenti o modificare ulteriormente il testo e rimandarla al Senato che la controllerà e la voterà o la modificherà ulteriormente e così via fino a quando la legge modificata non sarà votata da entrambe le camere e potrà essere promulgata. Una legge ordinaria può stare in votazione e a fare ping pong per molti mesi prima di essere approvata. Ci sono state leggi che hanno fatto la navetta per 1500 giorni. Molto spesso i Governi tendono ad usare il percorso più corto del Decreto Legislativo per approvare in tempi record provvedimenti importanti, secondo Costituzione. I Decreti Legislativi possono essere fatti per materie urgenti ma non tutte le leggi possono essere fatte come Decreto Legislativo. Solo quelle più importanti o che sviluppano il programma politico del Governo possono essere convertite in legge tramite Decreto. In questo caso cosa succede? Il Governo pone la fiducia alle Camere. Se le Camere la negano, la legge non passa e il Governo cade. Molto spesso, proprio per una questione di continuità e stabilità, le Camere danno la fiducia e permettono così al Governo di continuare il proprio programma politico. Il governo Monti, per esempio, ha fatto approvare, ponendo la fiducia, la legge Fornero (Decreto Salva-Italia) in 20 giorni circa.
Cosa modifica la riforma?
Intanto il numero dei Senatori che da 320 passano a 100. I 100 saranno composti da 95 eletti direttamente tra i consiglieri regionali e sindaci e 5 dal Presidente della Repubblica. Il nuovo testo della Costituzione aggiunge “in conformità alle scelte espresse dai cittadini”. Cosa significa questo? Significa che dovrà essere promulgata una legge che regolamenterà l’elezione dei Senatori. I senatori verranno comunque presi dai Consiglieri e Sindaci tenendo conto della scelta dei cittadini. Questo non significa che si autoeleggeranno! Non significa nemmeno che noi, comuni mortali, non decideremo chi avrà l’onore di andare al Senato. Infatti voteremo, come abbiamo sempre fatto, i nostri rappresentanti alla Regione e il nostro sindaco al comune. “In conformità alle scelte espresse dai cittadini” significa proprio questo. Altro punto importante: i nuovi senatori non avranno stipendio in quanto percepiscono il loro stipendio da consiglieri o da sindaci. Verrà pure introdotto un tetto massimo. La nuova Costituzione prevede che l’indennità base sia quella del sindaco della città capoluogo. Addio ai 15.000 euro attuali insomma. Facciamo un esempio pratico. Se salisse un ragusano al Senato, egli non potrà percepire più dell’attuale sindaco Federico Piccitto (circa 5.000 euro). Chi contesta questo punto sostiene che così chi fa il sindaco si ritroverebbe a fare pure il Senatore e farebbe male sia il primo che il secondo lavoro. Non credete che almeno, in questo caso, al Senato ci andrà qualcuno che vuole realmente fare il Senatore al di là della poltrona? Qualcuno aggiunge pure che nuovo Senato sarà formato da persone che lo useranno per avere l’immunità. Non è che adesso il Senato non ce l’abbia! Attualmente i 320 senatori hanno l’immunità che è tra l’altro prevista dalla Costituzione attuale e non introdotta dalla riforma. Non vogliamo mandare delinquenti al Senato? Cominciamo con il non votarli a livello locale!
Discorso molto interessante anche nei confronti dei Senatori a vita. Nel 1992 c’erano 11 Senatori a vita. Ogni presidente della Repubblica interpretava il testo costituzionale per come gli piaceva. C’era chi vi leggeva un limite massimo di 5 Senatori a vita in totale e chi, invece, vi leggeva un limite di 5 Senatori a vita per Presidente della Repubblica. Adesso si considerano 5 Senatori a vita per Presidente della Repubblica. Alla fine del proprio mandato un presidente della Repubblica diventa automaticamente Senatore a vita e ci rimane fino a quando la morte non lo porta via da questo mondo. Nel 1992, infatti, Cossiga divenne Senatore a vita e morì nel 2010, dopo ben 18 anni di onorata carriera passiva. In quell’anno, tra l’altro, i senatori a vita erano 11. Rita Levi Montalcini, invece, è stata Senatrice a vita per meriti dal 2001 al 2012, quando la morte l’ha portata via alla veneranda età di 103 anni. Cosa dice la riforma? Che il Presidente della Repubblica può eleggere fino ad un massimo di 5 Senatori (per meriti) e che il Presidente della Repubblica uscente diviene, in maniera automatica, Senatore a vita. Gli eletti dal Presidente avranno un vincolo di mandato di 7 anni e non saranno nuovamente eleggibili. I Presidenti della Repubblica, invece, rimangono al Senato a vita in quanto l’articolo 59 non è stato modificato. La riforma abolirà anche i finanziamenti per i gruppi regionali..
Dal punto di vista “pratico” cosa succede con la riforma?
La Camera dei Deputati avrà il compito di votare la fiducia al Governo e, ovviamente le leggi proposte da esso. La Camera dei Deputati avrà pure la facoltà di promuovere leggi e votarle. Il Senato verrà escluso dalla responsabilità della fiducia ma avrà ancora voce in capitolo su temi importanti come: riforme costituzionali (non possono essere votate solo dalla Camera), Trattati Europei (controllo maggiore anche in questo delicato tema), tutela minoranze linguistiche, elezione del Presidente della Repubblica, ecc… Inoltre il Senato potrà dare pareri sulle leggi approvate dalla Camera entro 10 giorni e proporre leggi alla Camera che le discuterà e voterà.


Conclusioni: La riforma avversata da tanti, secondo il mio punto di vista, non è poi così male. Molti dicono che basterebbe una buona legge per dare stabilità ad un Governo. Abbiamo tanti esempi di Governi caduti per colpa di maggioranze che, di colpo, non sono più maggioranze. Abbiamo anche esempi di partiti politici che alla Camera dei Deputati hanno una maggioranza consistente e al Senato stentano. Vi ricordate nel 2013? Il Movimento 5 Stelle, per fare un esempio, aveva quasi gli stessi seggi del PD, mentre in Senato era molto indietro. Lo stesso PD in Senato aveva una maggioranza di soli 4 senatori, tant’è che non ottenne la fiducia e Napolitano diede l’incarico a Letta che invece la ottenne. Una delle proposte per dare stabilità ai governi è quella di introdurre un vincolo di mandato con il partito con il quale si è stati eletti, pena l’obbligo di dimissioni. Immaginate per un attimo di votare M5S perché vi vedete in quello che questo movimento dice e propone. Dopo sei mesi vi rendete conto che molte cose che ha promesso non le ha mantenute. Potete avere la possibilità di cambiare partito politico o no? Perché un parlamentare eletto con la Lega non può andare nel gruppo misto se il suo partito non rispetta più le sue idee o se le sue idee nel frattempo sono cambiate?

Avere una sola camera che vota la maggioranza delle leggi ordinarie e dare al Senato solo 10 giorni di tempo per esprimere un parere porteranno ad una velocizzazione dell’apparato legislativo senza nessun dubbio. Siamo l’unico paese che ha un bicameralismo perfetto. Quando sento dire che “abbiamo la Costituzione più bella del mondo e non è giusto cambiarla” è come sentirmi dire che non è giusto che il mio amico Salvatore abbia rottamato la sua bella e funzionale Regata a GPL per passare ad una macchina nuova. Anche se la mia collana è di platino e luminosissima, se ha degli spuntoni che mi fanno male al collo, non la metto ma ne compro un’altra anche se di rame.

Indro Montanelli (https://www.youtube.com/watch?v=D3UK8a7-lT8), giornalista che ammiro da sempre, maestro di Travaglio, sosteneva che il primo difetto della Costituzione era la ripartizione dei lavori della Costituente che aveva 600 elementi eletti tra le forze politiche (DC, Comunisti e Socialisti). Questi, per rendere la stesura della Costituzione più facile, diedero solo a 75 persone questo compito. Questi 75 si divisero in piccole sottocommissioni che ebbero diverse mansioni, costruendo, pezzo per pezzo, il testo. I singoli pezzi furono scritti in maniera impeccabile, ma le giunture che dovevano unirli non erano adatte a creare un lavoro univoco ed omogeneo. Il secondo difetto è stato partire dal concetto opposto a quello dei costituenti tedeschi. Per i padri costituenti tedeschi l’origine del nazismo è stata possibile a causa della Repubblica di Weimar e dall’impossibilità dell’esecutivo di governare con stabilità, in quanto troppo assoggettato al volere dei partiti. I nostri costituenti partirono dal presupposto contrario: il Fascismo era il premio dato ad un esecutivo che governava senza partiti e controlli. Si doveva quindi togliere la possibilità al Governo di avere troppo potere. Paradossalmente, in Italia, abbiamo creato il sistema Weimar che in Germania portò al totalitarismo nazista. In 70 anni abbiamo avuto 63 governi. Se pensate che un Governo dovrebbe governare per 5 anni, capite che solo Berlusconi ci riuscì. Ci riuscì per le alleanze e i favori contraccambiati. Votare No, significa mantenere questo sistema.

Dare la possibilità ad un Governo, qualsiasi esso sia, di governare e fare le proprie riforme senza ostruzionismi dettati da simpatie, antipatie e favoritismi, per cinque anni, significa smetterla di avere governi tecnici ogni anno e mezzo. Significa smetterla di avere esecutivi che modificano e cancellano immediatamente quello che hanno fatto i precedenti governi e vedere le loro riforme cancellate nuovamente dopo pochi mesi a seguito di un’altra crisi politica.

La verità è che abbiamo paura di far governare qualcuno, di lasciarlo lavorare per cinque anni per premiarlo o castigarlo alle prossime elezioni. Preferiamo invece l’instabilità politica e non venitemi a dire che basta la legge elettorale a dare stabilità politica. Il governo Berlusconi nel 2011 aveva una maggioranza schiacciante. Vi ricordate cosa successe con Fini? Quella fu la dimostrazione che non basta avere una maggioranza netta per governare, bisogna andare oltre. Cambiare le fondamenta del sistema. Se avete una casa che ha delle fondamenta fragili, non basta rinforzare le pareti interne ed esterne. Prima o poi crollerà lo stesso.

Pensateci bene. Cosa può accadere se vince il Sì? Deriva autoritaria? Quale deriva autoritaria potrebbe nascere se i cittadini hanno comunque la possibilità di fare elezioni ogni 5 anni? La Camera dei Deputati può ancora sfiduciare il Governo. Il Presidente della Repubblica può ancora sciogliere la Camera. Abbiamo ancora delle garanzie e non succederà un bel niente. L’articolo 138 della Costituzione, che permette di modificare la stessa, non è stato modificato. Questo significa che, se la riforma non andrà bene, potrà esserne fatta un’altra allo stesso modo di come è stata fatta questa. Questa riforma non c’entra nulla con i partiti, con il PD e con Renzi.

Non ho mai votato PD, ho votato sempre a sinistra prima del M5S. Poi, quando ho aperto gli occhi su questo movimento e sul suo leader, ho deciso di non votarli più. E’ da anni che non mi sento rappresentato da forze politiche di maggioranza e la mia decisione non c’entra un bel niente con la mia visione politica. Mi sono stancato di essere preso per Pdiota o Renziano da chi non capisce che i miei pensieri sono scollegati dal tifo politico. Non voto Sì per appoggiare Renzi, e non voterei No per mandarlo a casa. Questo ragionamento è da ignoranti. Renzi non durerà per sempre. Se non vi piace come governa, avrete la possibilità di mandarlo a casa alle prossime elezioni, eleggendo altre forze politiche tra i vostri rappresentanti.

Tra i punti citati prima, come avete capito, per me, sono più i pro che i contro di questa riforma. E’ per questo che, adesso, dopo tre mesi di studio e discussioni, dopo tre mesi di dibattiti politici e letture, dopo aver letto e riletto il nuovo testo Costituzionale, io voto sì.

Commenti e critiche ben accetti, se fatti in maniera educata, senza attacchi personali e senza che si entri nel merito delle simpatie politiche. Di simpatie politiche ne parliamo in un altro momento.

#iovotosi

EDIT: corretto il testo per una svista. L’art.59 della Costituzione non è stato modificato. Questo significa che i Presidenti della Repubblica saranno senatori a vita. Quindi per loro, sostanzialmente, non cambia nulla. Per i loro nominati il vincolo di mandato è 7 anni e non saranno rieleggibili.

Perché la gallina ha attraversato la strada? – parte seconda

https://vinnux.wordpress.com/2010/01/19/perche-la-gallina-ha-attraversato-la-strada/

Leggendo questa serie infinita di ipotesi sul perché la gallina abbia attraversato quella maledetta strada, non ho potuto fare a meno di dire la mia, o meglio le mie, al riguardo…

1 – la gallina è solo una pollastra ragazzi… “pollastra=donna tipicamente senza cervello“… da ciò si evince che non si può decontestualizzare l’intelligenza della stessa dalla sua funzione ovipara… eccheccazzo!

2 – dobbiamo ricordare che nella parabola satellitare della moltiplicazione dei pani e dei pesci, in realtà i pesci erano semplici galline… Gesù voleva il bene dell’umanità. Quindi più galline, più carne da mettere nel brodo primordiale e più uova, ma non aveva considerato il pericolo che poteva derivare da una simile scelleratezza…. ricordo infatti che anche i Maya parlarono della gallina nel loro calendario Gallixipoca il cui ciclo terminerà proprio in questi giorni. Nel suddetto calendario la gallina rappresenta il MALE celato nella bellezza di quell’esserino apparentemente innocuo. E si contrappone all’anatra (brutta e con i piedi palmati) che rappresenta, contrariamente a ciò che si pensa, il BENE.

Nel film “Howard e il destino del mondo” se ricordate, il protagonista è proprio un papero gigante ed egli salva il mondo dal male che era rappresentato da un aracnide immenso… ma quello è stato solo l’inizio. Nel sequel, che è in produzione (lo dirigerà Coppola e si chiamerà “Apocachicken now“), howard dovrà vedersela con la gallina

… … … ATTENZIONE SPOILER … … …

che alla fine soccomberà proprio perchè poco intelligente… ciò avvalora ulteriormente la tesi secondo cui la gallina è una pollastra senza cervello, ma lancia un monito a noi tutti: “MAI FIDARSI DELLE DONNE

3 – secondo Sapir-Whorf è il linguaggio che determina la nostra conoscenza, quindi il solo parlare della gallina che attraversa la strada la rende reale.

Perche la gallina ha attraversato la strada?

Vediamo come gli uomini importanti avrebbero risposto a questa domanda fondamentale:

CARTESIO: Per andare dall’altra parte.

PLATONE: Per il suo bene. Dall’altra parte c’e la Verità.

ARISTOTELE: E’ nella natura della gallina attraversare le strade.

KARL MARX: Era storicamente inevitabile.

IPPOCRATE: A causa di un eccesso di secrezione del suo pancreas.

CAPITANO KIRK: Per andare in un posto dove nessun’altra gallina era mai stata.

MOSE’: E Dio discese dal paradiso e disse alla gallina: “Tu devi attraversare la strada” . E la gallina attraverso la strada e Dio vide che ciò era buono.

MARTIN LUTHER KING: Ho sognato un mondo in cui tutte le galline sarebbero libere di attraversare la strada senza dover giustificare il loro atto.

RICHARD NIXON: La gallina non ha attraversato la strada, lo ripeto, la gallina non ha MAI attraversato la strada.

MACHIAVELLI: Il fatto importante è che la gallina abbia attraversato la strada. Chi se ne frega di sapere il perchè? Il fine in sè di attraversare la strada giustifica qualunque motivazione.

SIGMUN FREUD: Il fatto che vi preoccupiate del fatto che la gallina abbia attraversato la strada rivela il vostro profondo latente senso di insicurezza sessuale.

BILL GATES: Abbiamo appena messo a punto il nuovo “Gallina Office 2008″, che non si accontenterà soltanto di attraversare le strade, ma coverà anche le uova, classificherà i vostri dossiers importanti, etc…

BUDDHA: Porre questa domanda rinnega la vostra natura di gallina.

GALILEO: E pur lei attraversa.

DE GAULLE: La gallina ha forse attraversato la strada, ma non ha ancora attraversato l’autostrada!

EINSTEIN: Il fatto che sia la gallina che attraversa la strada o che sia la strada che si muove sotto la gallina dipende unicamente dal vostro sistema di riferimento.

BERLUSCONI: 1) I giudici politicizzati affermano che la gallina ha attraversato la strada al solo fine di perseguitarmi.
2) Anch’io ho attraversato la strada con un costume da gallina una volta…
3) Ha attraversato la strada quando si è resa conto di essere sul lato sinistro, cribbio.

GEORGE W. BUSH: Il fatto che il pollo abbia potuto attraversare questa strada in tutta impunita malgrado le risoluzioni dell’ONU rappresenta un affronto alla democrazia, alla liberta, alla giustizia. Questo prova indubbiamente che noi avremmo dovuto gia bombardare questa strada da molto tempo. Al fine di assicurare la pace in questa regione, e per evitare che i valori che noi difendiamo non siano ancora una volta beffati da questo genere di terrorismo, il governo degli Stati Uniti d’America ha deciso di inviare 17 portaerei, 46 cacciatorpediniere, 154 incrociatori, appoggiati a terra da 243.000 marines e nell’aria da 846 bombardieri missili teleguidati, che avranno il compito, in nome della libertà e della democrazia, di eliminare ogni traccia di vita dai pollai per un raggio di 5000 km. Ciò assicurerà che tutto ciò che assomiglia, da vicino o da lontano, a un pollaio sia ridotto a un mucchio di cenere e non possa più minacciare la nostra nazione con la sua arroganza. Noi abbiamo deciso che poi questo paese sarà generosamente preso in custodia dal nostro governo, che ricostruirà dei pollai seguendo le norme di sicurezza in vigore, con a capo un gallo democraticamente eletto dall’ambasciatore degli Stati Uniti. Per il finanziamento di queste ricostruzioni noi ci accontenteremo del controllo totale della produzione di cereali della regione per 30 anni, disponendo che gli abitanti locali beneficeranno di una tariffa preferenziale su una parte di questa produzione, in cambio della loro totale collaborazione. In questo nuovo paese di giustizia, di pace e di liberta, noi possiamo assicurarvi che mai più un pollo tenterà di attraversare una strada, per la semplice buona ragione che non ci saranno più strade, e che le galline non avranno più le zampe. Che Dio benedica l’America!

EMILIO FEDE: Perchè dall’altra parte c’è Berlusconi!

PUTIN: (la gallina scompare misteriosamente)

BIN LADEN: Allah lo vuole (la gallina detona da qualche parte vicino a una base Onu o Americana)

CHE GUEVARA: Preferiva morire attraversando una strada piuttosto che in un allevamento a fare uova.

STALIN: Gli scioperi, il boicottaggio, il parlamentarismo, la manifestazione, la dimostrazione: tutte queste forme di lotta sono buone come mezzi che preparano e organizzano il proletariato aviario. Ma nessuno di questi mezzi è atto a distruggere l’ineguaglianza esistente. È necessario concentrare tutti questi mezzi in un mezzo principale e decisivo, è necessario che il proletariato aviario insorga e conduca un attacco decisivo contro la borghesia allevatrice, per distruggere dalle fondamenta il capitalismo. Questo mezzo principale e decisivo è precisamente attraversare la strada.

NIETZSCHE: Perchè nel suo gesto rappresenta il ponte di passaggio verso la oltre-gallina. Così parlò Zarathustra.

KURT COBAIN: Penso che le galline amino suicidarsi!

SHAKESPEARE: Attraversare o non attraversare, questo è il dilemma.

ZENONE: La gallina sembra aver attraversato la strada ma in realtà è ferma. Per assurdo prendiamo due punti A e B cioè il punto di partenza e il punto di arrivo. A questi due punti si aggiunge il punto C, quello D etc ma in realtà la gallina nn arriverà mai al punto B perchè ci sarà sempre uno spazio vuoto tra A e B. Quindi la gallina non si muove.

BENNATO: Quanta fretta, ma dove corri? Dove vai???

COLONNELLO KILGORE: Dall’altra parte si sentiva odore di napalm e profumava come di vittoria!

SOCRATE: So di non saperlo

DANTE: Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai una gallina tra i piedi che la diritta via aveva smarrita, così gli dissi: attraversa la strada e troverai te stessa”!

BATTIATO: Voglio vederti attraversare, come le galline della strada, con tante piume in testa, o come le anatrelle nei giorni di festa…

MARZULLO: I sogni aiutano ad attraversare la strada?

CARMEN CONSOLI: L’ultimo passo mia amata gallina…

SCHROEDINGER: C’è una probabilità che in un dato istante, la gallina sia da un lato, sulla strada ed anche dall’altra parte.

HEISENBERG: So dove si trova la gallina, non so con che velocità attraversa la strada…

HITLER: La gallina ariana non solo attraversa la strada ma governerà il mondo.

ARMSTRONG: E’ un piccolo passo per la gallina, un grande passo per il pollaio.

FORREST GUMP: Corri gallina, corri!!

CLINTON: Giuro sulla costituzione che non c’è mai stato niente tra me e quella gallina.

MAURIZIO COSTANZO: Ma prima che la attraversi, consigli per gli acquisti.

RAFFAELLA CARRA’: La gallina che ha attraversato la strada, stasera è quiiii!!!!!

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE: La gallina stava seguendo il bianconiglio.

RAY CHARLES: Galline?? Quali galline??? Dove??

ARCHIMEDE: Datemi un punto d’appoggio e vi leverò via la gallina

MOCCIA: Si dice pollastra, ignioranti!!

EMINEM: La gallina era sul lato sbagliato della 8 mile

KANT: in realtà non è la gallina che ha attraversato la strada, è l’io che attraverso le 12 categorie dell’intelletto ha informato la realtà in modo da vedere una gallina che attraversava la strada

MAOMETTO: Se la strada non attraversa la gallina, allora sarà la gallina ad attraversare la strada.

CELENTANO: Quella gallina è forte, è rock

ANASSIMANDRO: La Gallina attraversa la trada per ricongiungersi all’apèiron da cui ha avuto origine per distacco (il pollaio). La vita della Gallina volge dunque al termine. Gallina R.I.P

MUSSOLINI: Se attraversa seguitela, se si ferma uccidetela!

GLADE MICROSPRAY: la casa di Paolo è sull’altro lato della strada.

LEONIDA: Questa… E’… UNA GALLINAAAAA!

CARLO CONTI: Gallina, per te l’attraversata.. finisce qui.. ciao.

JACK SPARROW: Il problema non è la gallina che attraversa la strada, il problema è il tuo atteggiamento rispetto alla gallina che attraversa la strada. comprendi?

PINGUINI (MADAGASCAR): Tu non hai visto niente…

SCHRODINGER: ha attraversato?… dipende. La funzione Ψ dell’intero sistema porta infatti ad affermare che la gallina dal lato destro e la gallina dal lato sinistro della strada sono stati puri, ma miscelati con uguale peso

GUIDO MEDA: Tutti in piedi sul divano!!! La gallina attraversa la strada ed arriva con grande vantaggio sulle altre galline!!! Galllina c’è!!! Gallina c’è!!! Gallina c’è c’è c’è c’è!!!!!!!

DI PIETRO: La verità è che noi dell’Italia dei Valori abbiamo trovato tutte, ripeto tutte, le galline necessarie ad attraversare la Salerno – Reggio Calabria per far capire a Berlusconi che il Ponte sullo stretto passa in secondo piano!

MARCUZZI: Gallina.. Mi spiace.. Sei stata nominata: devi lasciare questo lato della strada…

DARTH VADER :Finalmente la gallina è passata al lato oscuro della strada!!

MSN: la gallina ha appena effettuato l’attraversamento della strada.

FACEBOOK: La gallina ora è fan di “attraversare le strade”, diventa fan!

GALLINA: Farvi i cazzi vostri mai, eh?

Ho intenzione di brevettare qualcosa di sconvolgente ed estremamente erotico…

Rieccomi… ieri sera ho fatto un giro natalizio per negozi… non dovevo comprare nulla (vi pare che con 15 euro nel portafoglio io possa comprare qualcosa?), però mi illudevo di poterlo fare… Prima tappa? Unieuro, che poi è stata anche l’ultima. Reparto videogiochi. La Wii balance era esposta e poteva essere provata. In quel momento sono salito sopra, ho attivato il Wii Fit e ho iniziato a fare degli esercizi stupidi ma belli. Mi facevano sembrare zio Fester in versione elfo di natale felice e beato… In quel momento mi viene un’illuminazione… penso a come sfruttare le potenzialità della Wii e unirle ad uno dei settori che non andranno mai in crisi: il porno. Esiste secondo voi un modo per creare qualcosa di estremamente erotico utilizzando gli strumenti a disposizione della console giapponese? Certo che sì! E sull’onda dell’entusiasmo ho iniziato a immaginare una periferica tipo la Wii balance che riuscisse ad essere sfruttata come godemiché o altro. E nella mia testa malata è nata la Wii Pallence. E’ una sorta di Wii balance, ma a forma di palle. In essa deve trovarsi un’ingresso dentro cui collegare altri due strumenti d’alta tecnologia. Se l’utilizzatore è uomo, allora verrà collegata la Wiigina; se donna la Wiinchia! Se lo scopo del gioco è la semplice masturbazione, si potrà comprare anche un Wiibratore, ma alla fine credo sia meglio usare la Wiinchia, che sarà bella, nerboruta e disponibile anche nera!! Lo “scopo” del gioco è fare partire il programma d’arte amatoria Wii Fick (da ficcare, che viene comunemente usato in Sicilia per riferirsi all’atto sessuale). Una volta partito il programma, si può scegliere di fare un test “preliminare” delle prestazioni sessuali e della libido chiamato “Test del/della porco/troia“… dal menù a tendina si potrà accedere alla partita vera e propria, dove si testerà la propria abilità nella fellatio o nel cunnilingus (per motivi prettamente igienici la parte da leccare/succhiare verrà fatta in silicone lavabile o direttamente usa e getta, devo ancora deciderlo), oppure nell’atto sessuale vero e proprio. Se tutti i movimenti verranno fatti bene e a tempo, a mo’ di Guitar Hero, allora si entrerà nella modalità superamatore “Oui oui”. Una bella donna dalle fattezze francesi, inizierà a stuzzicarti e invogliarti a dare il massimo accompagnando ogni tua performance degna di nota con dei “Oui oui, oui oui”. La stessa cosa accadrà alle utilizzatrici: uno stallone francese diventerà un toro da monta e griderà anch’egli “oui oui”…

Sono o non sono un genio?

Burus…

burus

Scatola chiusa, buio, claustrofobia… dentro di me. Picchi innevati, laghi ghiacciati, vulcani, meteore… tutto dentro di me. Una bestia che scalpita sempre più forte. Vuole uscire, dominare, ma è in gabbia. Un serpente, lascivo, viscido, mi si attorciglia attorno al collo. Mi rende inerme. La sua coda si insinua dentro la mia gola, in una scena a forte impatto sessuale. Non riesco a parlare, a mangiare, a dormire. Non riesco a ridere. Non sono più io. Sono un clone di ciò che ero tre anni fa. Sono un uomo pieno di maschere. Ricoperto dalla testa ai piedi. Illusione. Mangio manciate di polvere, sniffo piste di assurdo… sogno. Sogno la notte che, timbrando il suo cartellino, sostituisce il giorno. La notte che fa gli straordinari nella stagione invernale e si riposa meritatamente in quella estiva. E’ la notte il mio posto. E iI buio è la mia luce.