E no Grillo, adesso basta!

Grazie alla segnalazione di Habibi (grazie piccola) ho avuto il piacere di leggere quest’articolo.
L’articolo parla, come potete leggere, di un intervista mai fatta a Grillo. Elencarne il contenuto sarebbe troppo lungo, ma vi invito a leggerla da voi.
A questo punto non so se Beppe c’è o ci fa. Ieri Lunadoro (che ringrazio) mi ha lasciato un commento nel quale esprime tutta la sua inquietudine riguardo all’articolo su Disinformazione.it. Adesso ecco un’altra situazione imbarazzante, quasi “comica” per il nostro Beppe. Vi riassumo un po’ di cosa si tratta, se non avete avuto modo di leggere l’articolo originale.
Il giornalista Gilioli ha invitato Beppe Grillo a fare un’intervista, disposto ad andarlo a trovare fino a casa sua. Gli ha dato la possibilità di dire tutto quello che voleva, promettendogli di non fare censura e di riportare esattamente le sue parole. Avrebbe potuto anche avere un confronto aspro, ma Grillo ha rifiutato, chiedendo invece a Gilioli la possibilità di avere un suo articolo pubblicato su “la Repubblica”. Gilioli non ci sta, e convince Grillo a rispondere via email a varie domande.
Le domande sono un po’ provocanti, e giustamente secondo me. Il giornalista sta cercando di difendere la propria categoria, definita dal comico genovese “casta”, dando delle serie argomentazioni al riguardo e cercando di avere delle risposte esaustive sul prossimo v-day del 25 Aprile, che riguarderà proprio il mondo dei giornali e dell’informazione. Grillo non risponde però alle domande e Gilioli gli telefona per saperne di più, al che Grillo lo liquida accusandolo di avergli posto domande “offensive e indegne” (per me sono semplici domande, nda).
Volete sapere che cosa ne penso? Vi scrivo esattamente quello che ho scritto tra i commenti del blog di Gilioli:
“A mio modesto parere non si può prescindere dal fatto che il Grillo nazionale HA comunque RIFIUTATO un confronto serio. Giglioli gli ha pure dato l’opportunità di dire ciò che voleva, senza mezzi termini. Io avrei accettato, e, se fossi stato sicuro di quelle che sono le idee che porto avanti da decenni, avrei colto la palla al balzo e lo avrei massacrato. Invece Beppe Grillo, di cui io sono stato e sono per alcune battaglie un suo sostenitore, – e questo ci tengo a precisarlo sempre – non solo ha rifiutato il dibattito e ha costretto Giglioli a mandargli le domande via internet, ma si è ANCHE RIFIUTATO di rispondere a questa forma di comunicazione di tipo telegrafico.
Non siamo sconsiderati!
Cerchiamo di ragionare con le nostre teste, invece di dedicarci anima e corpo, rischiando di diventare semplici fanatici, al primo che secondo noi cura i nostri diritti. L’articolo su Disinformazione.it parla chiaro. Da quando è stato pubblicato, migliaia e migliaia di commenti sono piovuti come dal cielo sul Blog più letto d’Italia, e sono stati puntualmente censurati! Grillo non ha mai risposto e mai lo farà. Alla fine chi è che censura chi? A me sembra che Grillo si stia perdendo in un bicchiere d’acqua. Se io fossi nella sua situazione e consapevole di essere “pulito”, proverei tutti i singoli istanti a dimostrare che ciò che dicono di me è una grande e magistrale calunnia. Invece Beppe non ci prova nemmeno. E questo è un comportamento tipico di chi sa di star giocando col fuoco e sta sulla difensiva per non bruciarsi. Grillo si nasconde e ignora. Tanto tra poco non se ne parlerà più. Apriamo gli occhi, ragazzi… apriamo gli occhi!”
A buon intenditore…

Vedere la temperatura del processore con Ubuntu

Salve, rieccomi tra di voi!

Mi è spesso capitato di dover necessariamente vedere la temperatura del mio processore. Allora mi sono messo a cercare nel beneamato Google programmi che potessero assolvere a questo oneroso compito di monitoraggio. Si parla del pacchetto lm-sensors, e di un frontend grafico per poter vedere la temperatura anche senza l’ausilio del terminale. Il problema è che, oltre alla difficoltà generale di configurazione, sul mio A6va questo metodo non ha funzionato. Come si fa allora? Semplice.

Apriamo il terminale e digitiamo:

acpi -V

e per magia vi ritroverete una schermata come questa:

schermata-vinnuxvinnux-laptop.png

tra le informazioni, come potete vedere, ci sono lo stato della batteria, la temperatura e lo stato dell’alimentatore.

Facile no?