ACAB? No, AACAB! Federico Aldrovandi, Carlo Giuliani e Gabriele Sandri.

A volte mi chiedo come mi sentirei ad essere un poliziotto. Avrei la mia bella divisa, ogni giorno stirata di tutto punto, bella profumata, senza una sola piega. Andrei in giro con una bella macchina, magari con la Lamborghini che usa la polizia stradale nei pressi di Roma. Che figata! E poi… Poi sarei un eroe, un uomo onesto che cerca, giorno dopo giorno, di rendere GIUSTIZIA al mondo, e di far sì che questa “giustizia” venga rispettata. Mi sentirei un supereroe, un uomo di grande importanza. Ma non la farei pesare quest’importanza, anzi, forse cercherei di mettere a loro agio tutti quelli che mi circondano, tutte le persone che fermerei per strada, tutti quelli che farebbero delle cazzate che DEVONO pagare. Lascerei il manganello a casa, non ce ne sarebbe bisogno! E la pistola? Neppure di quella avrei bisogno… L’unica cosa che necessiterei sarebbe fare bene il mio lavoro, dare il sangue per la giustizia… IO farei così…

Ma siamo sicuri che tutti i poliziotti la pensino al mio stesso modo? Siamo sicuri che quella divisa, per cui ci vorrebbe un certo rispetto, sia riempita da persone valide, da persone che, dall’oggi al domani, preferirebbero morire piuttosto che ammazzare? E ancora, siamo sicuri che quella divisa non venga usata come un pretesto per dominare gli altri?

Recentemente un ultrà, Gabriele Sandri, è stato freddato da un rappresentante della giustizia, così, senza misure… Nel 2001, a Genova, i nostri dipendenti (oltre ai politici, anche loro sono pagati da NOI) si sono scagliati contro una massa di contestatori pacifisti, tralasciando i veri terroristi, i Black Blocks. Hanno picchiato, ammazzato, violentato, distrutto psicologicamente ed umiliato una grande quantità di persone che, purtroppo per loro, si sono trovate nel posto sbagliato al momento sbagliato. Stavano semplicemente esternando il loro pensiero, e, nella Costituzione italiana, è palesemente espresso il diritto di ognuno di avere libertà di parola, di opinione, di credo, ecc… ecc… Hanno maltrattato donne innocenti, le hanno etichettate come meretrici, le hanno fatte mettere in fila col braccio destro alzato, tipica posa nazista, a marciare dentro la cella, mentre loro cantavano una canzone fascista e razzista, e le etichettavano come “bastarde comuniste”. Tra le vittime di questa violenza gratuita anche giornalisti, reporter, professionisti seri ed onesti. Tra le vittime c’era anche un ragazzino, simpatizzante del movimento “no-global”, al secolo Carlo Giuliani, freddato da un carabiniere. In un climax crescente di violenza, è stato lui quello che ha pagato più di tutti.

Il 25 Settembre del 2005, Federico Aldrovandi è stato barbaramente massacrato da quattro poliziotti. Lo avevano fermato e picchiato.

aldro_vittima.jpg

Nonostante avessero già constatato la morte del ragazzo, solo dopo CINQUE ore hanno avvisato i genitori. Motivo della morte? Malore dovuto ad assunzione di sostanze stupefacenti (tesi poi smentita dagli esami post-mortem). Ed ecco che sorgeva un’altra tesi, altrettanto smentita dalle analisi, secondo la quale le ferite riportate dal ragazzo sarebbero dovute ad atteggiamenti autolesionistici dello stesso. La verità? Il ragazzo è stato più volte percosso da due manganelli, che si sono spezzati sul giovane corpo del diciottenne, fino a provocargli danni che, inesorabilmente, lo hanno portato alla morte. Durante quelle cinque ore, il corpo del ragazzo giaceva a terra, inerme, con la maglietta alzata, con la testa spaccata, senza che nemmeno un lenzuolo lo coprisse. Durante quelle cinque ore, i poliziotti parlottavano del più e del meno, ridendo e scherzando su chi di loro dovesse prendere il portafoglio del ragazzo. Un’indifferenza allarmante. Una crudeltà disarmante. Una vita innocente stroncata al suo inizio, senza che gli autori dell’infame gesto, ad oggi, abbiano pagato. Ma pagheranno mai?

L’abuso di potere è l’unica cosa che rende un poliziotto o carabiniere un criminale. L’abuso di potere è il nemico da combattere. Forse anche per questo non mi è mai passato per la testa di arruolarmi. Forse anche per questo odio qualsiasi forma di violenza e guerra. Forse anche per questo. Per non diventare come la maggior parte delle persone arruolate nelle forze armate. Per paura di abbassarmi al loro livello, e di non riuscire più ad uscire dal quel circolo vizioso (e mafioso) che è la causa di comportamenti assolutamente irresponsabili da parte di una maggioranza di persone che, avendo una pistola e un distintivo, dimenticano che se esiste un Dio, quello non è certo riconducibile a loro! Fascisti legalizzati, ma anche brave persone, con ideali solidi. Ma quanti realmente sono come questi ultimi? Non viene da pensare che il motto tanto contestato degli stadi, ACAB (All Cops Are Bastard), seppur generalizzato, rispecchi la realtà delle cose? Forse è vero che non si può generalizzare. Quindi, a questo punto, sarebbe più giusto che l’acronimo diventasse AACAB. Per una questione di “political correctness” Almost All Cops Are Bastard! Così lasciamo che le coscienze di coloro che si credono onesti rimangano pulite, e che questi continuino ad agire per il bene comune, stirando le loro divise, lucidando i loro manganelli e le loro pistole, pronti ad usarle in primis contro i LORO colleghi; contro quelli che facilmente rientrano nella categoria (concedetemi il termine) precedentemente “acronimizzata”. Utopia…

Per voi, per tutti, per non dimenticare:

Annunci

111 pensieri su “ACAB? No, AACAB! Federico Aldrovandi, Carlo Giuliani e Gabriele Sandri.

  1. bha ho molti dubbi ke i poliziotti abbiano la divisa stirata( parlo degli agenti , sovrintendenti e gradi bassi) , i loro stipendi sono una miseria e te lo posso assicurare , le macchine sono penose e molte volte non hanno nemmeno la benzina x le auto, la lamborghini è a roma e a padova e posso guidarla poliziotti con patenti speciali ..insomma la tua visione della polizia è assolutamente sbagliata ed utopica.
    la polizia e i poliziotti sono delle vittime dello stato : i poliziotti della dia dell’antimafia aspettano gli strordinari DAL 2005 tutta colpa dei POLITICI.

  2. che i loro stipendi sono una miseria, è qualcosa di soggettivo e dipende dal tuo punto di riferimento… che siano pochi 1100-1300 euro al mese paragonati a 3000 euro è fuori discussione, ma per coloro che non arrivano a quella cifra, ti assicuro che sono una manna dal cielo…
    per quanto riguarda il discorso etico-morale, non è che la polizia e le forse dell’ordine in generale, abbiano sempre dimostrato di essere tutori della giustizia? A Genova il casino è partito da loro, in occasione del G8. Sono stati LORO a picchiare e sfracellare teste in palestra di notte, e sono stati loro a mettere delle armi per salvarsi il culo, dopo che avevano capito che si erano sbagliati… Sono stati LORO a picchiare le donne che avevano catturato (tra cui giornaliste) e a farle mettere in fila NAZISTA col braccio destro alzato mentre loro cantavano una bella canzoncina nazi-fascista e razzista… Dopo questi esempi, non me la sento di giustificare i poliziotti, ma nello stesso tempo non me la sento di generalizzare considerandoli tutti allo stesso modo…

  3. voi nn sapete nulla..sapete solo sparare idiozie,cavolate..x il 2 febraio ero li..nn dite ke siamo tempisti delinquenti!!scendete e guardate cm c trattano le forze dell’ordine..siamo dei giocattoli..burattini,comandono loro..trp abusi d potere,bhe prima o poi era nell’aria una rivolta..adesso nn venghino a piangere raciti xke se muore un’ultrà nessuno paga..es.gabriele detto gabbo ultra laziale..bhe nessuno ha pagato mentre x raciti un ragazzo d nome speziale antonino ha fatto 2 anni d carcere senza prove..ke pena

  4. sono d’accordo con te, anche se, come hai potuto leggere, non voglio generalizzare. ma è vero che c’è comunque un sentimento fascista nella maggior parte dei poliziotti…

  5. la maggior parte della polizia sono brava gente, il problema di questo paese è che si prende tutto troppo alla leggera, noi potevamo essere i Federico i Gabbo i Rassman, siamo solo fortunati, dobbiamo pregare il Signore Iddio ogni giorno per non incappare in qualche incontro balordo come è successo a tutti coloro che non ci sono più.I poliziotti che sbagliano devono pagare, come tutti coloro che sbagliano con divisa e senza divisa.Far onore al nostro paese vuol dire onorare la vita degli altri e la propria, se non si riesce a fare ciò, vuol dire che c’è qualcosa che non và, bisogna andare alla fonte.Chi cerca Verità cerca Giustizia, e la Giustizia è Vita Vera.

  6. Bè signori siete un pò in dietro con le notizie..
    Al processo i periti da parte del pm hanno escluso la morte di federico per i danni provocati dai manganelli ma pure per le droghe assunte..
    Loretta non ti deve fare paura la Polizia ma chi ti disinforma..

  7. indietro con le notizie? il post che hai appena letto è stato scritto il 15 Febbraio… è normale che sia vecchio. Dire che questo post è disinformante da una persona che non ha nemmeno visto la data di pubblicazione mi fa un po’ arrabbiare…

  8. e poi dico: ma come si fa a dire che federico non è stato picchiato a sangue dalla polizia. guardate la foto. come ha fatto a ridursi così? si vedono chiaramente i segni delle percosse in faccia. manganello o no, la polizia lo ha ammazzato e i poliziotti hanno riso e scherzato per cinque ore con il corpo del ragazzo a terra… fregandosene… me ne sbatto le palle se il giudice ha detto che non è morto né per i manganelli né per le droghe (vorrei capire allora per cosa, forse satana in persona è venuto dagli inferi e si è divertito a sbatacchiarlo a destra e sinistra). il comportamento tenuto dalle forse dell’ (dis)ordine è da condannare. sia per il caso di federico, sia per le cazzate fatte al g8…

  9. Allora perchè non tieni aggiornato il post?
    Guarda, solo dalla tua risposta capisco che non ti aggiorni neanche sull’esito delle udienze e sulle versioni dell’operato di tutti gli intervenuti sul posto medici compresi..
    E poi non l’ho ha detto il giudice che federico non è morto per la percosse, ma l’autopsia e di conseguenza i medici legali incaricati dall’accusa ovvero dal PM..
    Sul g8 ne sono state fatte e dette di cazzate e con questo caso a mio parere non c’entra proprio niente…
    Ah dimenticavo che la foto da te pubblicata ti rammneto che non è stata ammessa al fascicolo del dibattimento perché non è stato accertato dall’accusa da chi e come sia stata fatta o rifatta…

  10. non tengo aggoirnato il post perché non sono un giornalista. il mio blog è un luogo in cui esprimo tutto quello che mi passa per la testa giorno dopo giorno, e documentandomi proprio su tutto. il 15 febbraio del 2008 ho deciso di scrivere su federico androvaldi, dopo essermi accuratamente documentato… adesso, sto scrivendo altre cose che mi fanno girare i coglioni parecchio. fra tre mesi ne scriverò altre, ma ciò non significa che io debba necessariamente aggiornare i post, visto che sono per la maggior parte scritti con i miei pensieri e quindi non neutrali… io non sono il giornalista italiano, che non è neutrale, ma dice di esserlo. sono un semplice cittadino italiano (e me ne vergogno) a cui rompe le palle sentire e vedere certe cose senza che i responsabili vengano puniti.
    Se i medici legali hanno detto che federico non è morto per le percosse, allora le percosse ci sono comunque state. E quindi, da che mondo e mondo la polizia che ci dovrebbe proteggere è autorizzata a picchiare un essere umano? che sia drogato, che sia gay, che sia fascista o comunista. loro hanno le manette, i manganelli (da usare solo in caso di necessità e solo per difendersi) e le pistole, ma ne fanno un uso criminoso, solo perché possono farlo… basterebbe arrestare, se si oppone resistenza manganellare e ammanettare subito. poi la giustizia penserà a tutto…
    per quanto riguarda il G8. se per te lasciare andare liberi i black blocks (gli unici che hanno distrutto mezza genova e hanno provocato) e prendersela con i manifestanti è una cazzata, allora penso che tu sia di un altro mondo. ci sono prove inconfutabili, tra cui intercettazioni telefoniche, che dimostrano prima l’errore della centrale che invece di mandarli verso i black blocks li mandano verso i manifestanti pacifisti, i quali una volta attaccati senza motivo, reagiscono come farebbe qualsiasi essere umano… e poi al telefono, dopo la morte di carlo giuliani, due poliziotti, un maschio e una femmina, scherzano dicendo testualmente: “siamo 1-0 per noi. così imparano questi comunisti bastardi!” ti consiglio caldamente di guardare la puntata di Blu Notte dedicata ai fatti di Genova…

  11. ehi ciao vinux m kiamo Beatrice e volevo dirti ke concordo in tutto e per tutto le tue idee!!mi farebbe un gran piacere conoscerti e parlare un po d ste cose!!io ho visto tutti i documenti possibili e immaginabili sul 20luglio 2001 a genova…vogliamo parlare del sasso ke un poliziotto ha raccolto e spostato affianco al corpo d carlo??e poi si è messo a gridare contro un manifestante “l’hai ucciso tu bastardo con il tuo sasso l hai ucciso!!!”
    a me ste cose non è ke mi fanni incazzare, MA DI PIU…

  12. raramente ho letto un’enumerazione di cazzate come la tua, roba che non si legge nemmeno su indymedia. permettimi di dirti che tu vivi (anzi, esisti) su un altro pianeta….”la lamborghini, la divisa stirata”…ma cammina coglione!
    il “ragazzino” carlo giuliani… eh si poverino, passamontagna in testa, rocchetto di nastro al braccio (per fare le molotov), aveva qualche ora prima devastato l’ufficio postale di piazza alimonda. ma questo ti sei “dimenticato” di scriverlo vero? è molto meglio copiare e incollare una bella foto di un tizio su un lenzuolo sporco di sangue.

  13. leibenoc, leggendoti capisco molto sulla composizione chimica della merda— spero solo che i poliziotti non ammazzino qualcuno delle persone a te più care… se ne hai… abbi una bella vita…

    per la cronaca: carlo giuliani non faceva parte dei black blocks. sono stati loro (o tu?) i veri delinquenti in quella manifestazione. loro e solo loro hanno creato un casino e hanno distrutto una città… vai a cagare…

  14. Io ragazzi vi dico solo uan cosa , che carlo giuliano non è stato ucciso da un poliziotto, perche la pistola di ordinanza spara cartucce camerate di rame, mentre il proiettile trovato nel corpo di carlo Giuliano non era camerato… chi ha sparato non lo so… ma di sicuro non un poliziotto…

  15. eh lo so, la verità fa male, talvolta mooolto male, vero? :DDD
    è facile scaricare le colpe delle violenze solo sui black block (che saranno dei fascistoni essendo vestiti di nero eh? coglionazzo che non sei altro…..), quando proprio tu scrivi che giuliani non era un black block e stava partecipando a un tentativo di linciaggio contro dei carabinieri.
    Se ne hai prese (e spero che te ne abbiano date tante) te le sei meritate PUNTO. Poi, ma questo vale in generale, se non hai argomenti ti suggerisco di tacere (o non scrivere, nel tuo caso) e sembrare un idiota piuttosto che scrivere e dare la conferma.
    Buona giornata.

  16. carissimo ed emerito leibenoc. mi rivolgo pure a bruce kelly. Vi consiglio di guardare la puntata di Blu Notte del 9 Settembre 2007. inoltre fatevi una bella scorpacciata di wikipedia, a meno che non la consideriate come quella su cui scrivo io, come si chiama? indymedia?

    L’autopsia di Giuliani ha confermato la morte del ragazzo dopo essere stato sparato! inoltre il cuore ha continuato la sua attività dopo che carlo è stato sparato. la polizia ha subito cercato di insabbiare l’evento (cretini che non sono altro, come se dopo non ci potesse essere un’autopsia in cui ci si accorga che è stato sparati) facendo credere che giuliani fosse stato ammazzato da un sasso. uno dei carabinieri ha prontamente messo il sasso accanto al corpo di carlo e ha gridato verso la folla: lo hai ammazzato tu con questo sasso… Il colpo è stato diretto. inoltre è molto probabile che le forze di poliozia impegnate in quel giorno, avessero dei proiettili non standard, illegali per uso civile. caroi leibenoc, quel giorno la polizia era già partita per abusare del proprio potere. e non venirmi a dire che sono cazzate, perché un poliziotto che prende in ostaggio donne e giornalisti, che li rinchiude in una cella e ci gioca al nazismo facendole mettere in fila ed etichettandole come comuniste, è uno che merita di essere calpestato fino a quando le sue frattaglie non schizzano fuori… e ti ricordo pure una telefonata che c’è stata tra due colleghi poliziotti nella quale l’uno diceva all’altra. uno di quegli stronzi comunisti è morto… 1 a 0 per noi! Carissimo, i Black Blocks (è documentato) hanno fomentato l’odio e hanno trasformato una manifestazione pacifica, fino ad allora, in un inferno. e la tua tanto amata polizia non ha fatto nulla per bloccarli, ma ha mandato all’assalto le squadre contro i manifestanti che, pacificamente, protestavano. se avete i ciglioni, guardate la puntata di blu notte e capirete molte cose.
    leibenoc, sei un poliziotto? un fascista? un black block? un nazista? un comunista? allora vai fuori dai coglioni e non entrare più nel mio sito, perché quelli come te li ammazzerei tutti!

  17. ahahahaah 😀 ecco la vera essenza dei pacifisti noglobal! :DDDD ho letto il tuo profilo, tu sei un ritardato mentale, ti esprimi come un bambino delle medie inferiori e hai 25 anni!! perchè non provi a controbattere a quello che ho scritto invece di proferire patetiche minacce di morte che non riusciresti mai a mantenere?
    Possibilmente evita di cambiare discorso (tecnica dialettica comunista, che con me non funziona), stiamo parlando di giuliani, non dei black block, nè della telefonata (PRIVATA, tra l’altro…) a cui fai riferimento, nè del documentario Blu notte, che ho visto e che è soltanto un seppur rispettabile punto di vista sulla vicenda e niente di più.

  18. si da il caso che il ritardato mentale sia tu. se te ne vai a farti fottere il tuo sudicio culo, magari da un nero con un cazzo di 25 centimetri e poi ti masturbi pensando anche ai tuoi coglioni sgonfi e sterili… adesso, invece di scassare i coglioni, pensa a dove e come i tuoi poliziotti prenderanno nuove divise, nuove volanti, nuove armi, visto che il governo da te sostenuto (se non erro mi sembra di capire che sei un anticomunista, e ciò significa che sei un servo di Berlusconi) sta togliendo 3 miliardi di euro alle forze di polizia… proprio a quei bastardi che abusano del loro potere per poter fare quel che cazzo vogliono… e per tua informazione, la puntata di Blu Notte non è solo un semplice punto di vista, ma un documentario abbastanza completo di ipotesi, poi dimostrate da documenti veri e propri. E la telefonata privata, è avvenuta durante i casini di Genova, mentre i due poliziotti erano in servizio per salvaguardare l’incolumità dei manifestanti. Se si sono chiamati per ridere e scherzare, allora meriterebbero una sospensione, perché queste persone, che paghiamo noi con le nostre tasse, devono lavorare e fare il loro dovere di tutori della legge, non chiamarsi e corteggiarsi al telefono… e si dàpure il caso che la tua tanto propugnata tecnica comunista non è nient’altro che un espediente che usava il buon Benito, che usa oggi il buon Silvio, e che usa anche il gran maestro Bush, tutti comunisti a quanto pare! Il sottoscritto è un laureando, ma ciò non importa e non conta. Conta solo il fatto che io, a differenza tua, studio conunicazione, linguistica e sociologia, e ho studiato molto le tecniche comunicative usate dai grandi uomini che hanno fatto in bene e in male la nostra storia ed è LORO la tecnica dialettica comunista…

    Poi ho già risposto e controbattuto a quello che mi hai scritto. Carlo Giuliani è stato ammazzato da un poliziotto, che aveva dei proiettili non regolamentari. Il collega ha preso un sasso e ha cercato di insabbiare tutto, facendo credere che il ragazzo fosse morto per un sasso scagliato dalla folla. La camionetta della polizia NON ERA circondata, visto che se l’è svignata molto facilmente (e lo provano proprio i video della puntata di blu notte che tu dici di aver visto).

    Ora, la prego vivamente di ovviare alla mancata sensazione di pienezza e di sollazzo che potrebbe arrecarle un bel tubo da cento in su per l’anal orifizio! Togliti dalle palle e scassa la minchia a qualche altro ritardato…

  19. ma quanto sei informato Tu!!!! porca vacca…ti dovresti presentare alle elezioni, magari farti eleggere…e magari tutte queste magagne verrebbero fuori! premetto, non sono fascista ne berlusconiano, penso che quelli che sbagliano devono pagare, a prescindere dal ceto sociale, dalla razza, dal lavoro che svolgono.i poliziotti o carabinieri che commettono un reato, quanto funesto e terribile, ignobile, bastardo che sia, devono pagare al pari degli altri cittadini. solo che le condanne non sono come le altre.sono maggiorate in quanto commesse da pubblico ufficiale nell’ espletamento delle proprie funzioni.sei bravo tu..Eh? ma tu che ruolo hai nella societa’? spari a zero su un blog, e credi di sapere tutto? e mi sai tanto che ne hai strada da fare…dimentichi i tanti servitori dello Stato che hanno perso la vita, lavorando come dei muli,che si fanno il culo, prendendo stipendi che non bastano mai… ma che te lo dico a fare..tanto per te è tutta demagogia. e tu ti scrivi il tuo bel blog del cazzo, e la sera la mamma ti rimbocca le coperte. sono addolorato per tutte le morti che avvengono per mano di gente in divisa. ma non sputare sui morti. il tuo acab ficcatelo dove sai

  20. premetto che nel mio post ho SPECIFICATO che non mi piace generalizzare. E poi, si, so quanto la gente si spacca il culo per poter tirare avanti, che ci sono poliziotti, brave persone, oneste, giuste, che si scassano la vita per poter avere uno stipendio che ora, soprattutto dopo la finanziaria di questo governo, rischiano di vedersi mandare a casa. Le so tutte queste cose… E poi il mio non è un ACAB, ma un AACAB e l’ho pure specificato. Sai una cosa, non so chi tu sia, ma so solo che almeno il tuo fottuto nome in questo blog, come in altri in cui penso tu vada, lo potresti lasciare… educazione, conosci questa parola? Mia madre mi ha rimboccato le coperte fino a cinque anni, carissimo, e si dà il caso che nella mia fottutissima vita ho visto più ingiustizie io che i tuoi “servitori dello Stato”. Ricorda che questi hanno perso la vita perché lo hanno voluto loro, e se perdono la vita anche oggi, è perché loro lo vogliono e nessuno li obbliga… Amore della patria? Ma quale cazzo di patria! Io la patria non la concepisco e non la devo servire. La patria è solo un tiro ai dadi. Quante probabilità ci sono per uno spermatozoo che galleggia con gli altri beatamente nei testicoli del padre incontri l’ovulo della sua vita in Italia o in Burundi. Per quanto ne so io potevo nascere in Guatemala o in Burkina Faso, è un caso che sono nato in Italia, anche per te. Se ai poliziotti piace così tanto giocare agli eroi, che facciano veramente gli eroi, scagliandosi in pimis contro i colleghi teste di cazzo, invece di rompere i coglioni e trattare da criminali assassini quelli che fermano per strada. Da me è così. Ogni volta che mi fermano mi fanno stare 2 ore, mi controllano centimetro per centimetro la macchina, mi intimidiscono e i veri delinquenti nemmeno li vanno a cercare… Anche io penso che chi sbaglia deve pagare, allo stesso modo di tutti gli altri. I poliziotti hanno responsabilità di ordine pubblico, ma se ammazzano qualcuno, sono uguali agli altri di fronte alla legge e vengono (o dovrebbero venire) trattati allo stesso modo… Ce ne sono di ingiustizie: pensa al decreto sicurezza di questo governo: se io ammazzo, prendo x anni. se lo fa un nero extracomunitario, al mio stesso modo, prende x+y anni… come vedi non sono solo i poliziotti che vengono trattati di merda…

  21. Su questo questo sno daccordo. il decreto sicurezza è fatto da politici che distorcono la realta’ e che ci prendono per il culo. le leggi razziali sono di 60 anni fa e ora ce le stanno riproponendo.ma questo cosa c entra? io nn ti ho parlato di eroi. ti ho detto di non sputare su gente che fa sto lavoro.e alcune volte ci lasci la vita. tu parli perche vedi solo quello che ti vogliono fare vedere. perche ti fanno stare 2 ore(ci credo poco) al posto di blocco. che ti trattano da delinquente…che dalle tue parti succede cosi????sei nato in italia? ci vivi? se non ti piace vattene pure, sicuro che le polizie degli altri stati non sono piu sottili della nostra. vai in francia….fuori dalla disco ti aspetteranno, ti faranno fare la pipi, ti controlleranno letteralmente il buco del culo…ti faranno gonfiare il palloncino.e se risulterai positivo, allora si saranno bei cazzi da cagare! vuoi andare in inghilterra?stessa cosa. Olanda? ti sballi alla grande e poi ti metti alla guida e fai il botto? ti rompono il culo e ti mettono in galera. mica qua in italia…provochi un incidente mortale?mal che vada ti revocano la patente per 1 anno. e cn la sospensiva magari ti fanno scontare la sospensione a rate. attenzione non dico che è una passeggiata…non sono un giustizialista come il tuo D Pietro….sono anch’io un ragazzo e torti ne ho subiti forse piu di te.ora caro compaesano, l educazione è una cosa diversa, non sono bravo come te a usare il pc., non sono laureando e su sto blog ci sono capitato per caso.se non volevi gente che ti andava contro non lo facevi. seguo il caso Aldrovandi da quando è successo il fatto. mi ricordo mooolto bene il G8. e penso che per il caso Sandri sia stata una drammatica fatalità. parli di ingiustizie? spiegati meglio…magari poi ti racconto quelle che ho subiscono i poliziotti. che quando indossano la famosa divisa, non si PIANGONO MAI addosso anche quando gli sparano quintali di merda addosso quando la procura gli nega una perquisizione, quando incontrano un pezzo di merda che avevano arrestato la settimana prima e gli aveva promesso che gliela avrebbe fatta pagare. si rialzano e si rimettono la divisa e la portano con decoro e con onesta’.una divisa che non è quasi mai stirata, che è mai della giusta misura, dove gli stivali non vanno mai bene. per ogni spiegazione sono a tua disposizione.compa’

  22. caro pacifista ammazza-tutti, ti rendi conto di essere un povero sfigato? ti rendi conto che i tuoi capetti no global stra – sotto – merde come agnoletto caruso e casarini mandano te e altri fessi a prendere mazzate per far sì che loro possano fare soldi e carriera? non ci arrivi eh? è troppo difficile eh? comincia a curare te stesso, invece di preoccuparti del commercio equo e solidale in Camerun, l’economia mondiale sta cambiando, l’aumento dei prezzi delle materie prime ne è un chiaro segnale: continuando sulla strada in cui sei non arriverai a niente

  23. leibenoc, ti consiglio di guardar questo video e capire bene, a meno che tu non abbia il cervello così chiuso da non riuscire a vedere che sei una marionetta delle multinazionali, che tutti siamo delle marionette… gli stessi governi sono sempre sotto scacco, alla faccia della sovranità nazionale. vai a leggere qualcosa e forse, dico forse, ti renderai conto del marciume che c’è sotto e di come la realtà dei fatti sia costantemente manipolata dai media, soprattutto, e più che mai qui in Italia… A me non me ne frega niente del commercio equo e solidale e il progresso e la globalizzazione potrebbero essere ben accettati dalla mia mente ritardata… solo che la globalizzazione ha preso una piega prevedibile: i grandi vogliono più soldi, scassano il cazzo ai più deboli, non rispettando la dignità umana, controllano il mondo. questo è l’essere umano, un essere immondo che cerca sempre di fottere il prossimo. Lo fottesse in maniera leale non avrei niente da dire. La legge della natura dice che il più forte vince sul più debole, e molti di quelli come te la propugnano per giustigicare i loro orribili comportamenti, solo che si dimenticano di aggiungere “in condizioni di parità”… Una battaglia tra un magnate della carta e i pigmei della foresta come andrà a finire?
    I pigmei verranno abbattuti come gli alberi, prima ancora che essi possano accennare ad una reazione…
    A tal proposito ti invito a leggere questo post: https://vinnux.wordpress.com/2008/08/18/ecco-perche-la-marijuana-e-illegale/
    ennesima dimostrazione di come le multinazionali e la globalizzazione ce la mettono nel culo…
    Ecco pure il video di cui ti parlavo: https://vinnux.wordpress.com/2008/07/20/la-storia-delle-cose/

  24. la natura umana è questa, mio caro, io accetto la cosa e cerco di gestirla per quelle che sono le mie possibilità, tu invece pretendi di cambiarla, cosa ben diversa, ci hanno provato prima di te i tuoi idoli (forse) come il signor stalin e il signor mao… non ci sono sono riusciti e l'”esperimento” è costato, come ordine di grandezza, “solo” 100 milioni di vite umane e qualche miliardo di infelici, non ho bisogno di vedere i tuoi video per sapere come il potere occulto che governa sovrano in occidente abusa della propria posizione, la “battaglia” dei noglobal – se così si può chiamare visto che non vorrei offendere chi le battaglie le ha fatte sul serio 60 anni fa, come i soldati italiani e tedeschi in russia – è una stupida iniziativa contro i mulini a vento, iniziativa sovvenzionata da multinazionali come quelle che producono i dischi di manu chaom, ma non ti rendi conto che ti stanno prendendo per il culo???

  25. se la natura umana è questa, semplicemente mi vergogno di essere uomo… stalin e mao non sono i miei idoli e non lo sono mai stati. odio le applicazioni poco democratiche del comunismo così come odio gli abusi del capitalismo. del comunismo salvo solo il disegno, seppur utopico, di un mondo equo e solidale, ma c’è quella natura umana, da te citata, che non permette la sua applicazione pratica. sono stato in cina, ho visto come funziona e sono consapevole che mao non è stato nulla di diverso da stalin, mussolini e hitler… fu la stessa cosa che è oggi berlusconi… ha addormentato la popolazione, gli ha fatto credere che agire in un modo sarebbe stato equo e giusto, quando sotto sotto il fatto che il popolo si comportava da perfetto medievale, accettando tutto, senza nemmeno chiedersi perché il sole sorgesse ad est, dandolo per scontato, è servito solo al governo cinese per controllare meglio i cazzi propri. ancora oggi è così, non è cambiato nulla. la gente muore di fame, prende 80 euro al mese di stipendio e deve stare zitta… in italia è la stessa cosa. il manovratore non deve essere disturbato. lui ha dalla sua parte le sue televisioni, i suoi giornali e le sue banche. e io devo accettare la cosa e gestirla? ma ti rendi conto che un essere umano è dotato di una dignità? io la mia non la vendo a questo sistema. il mondo così meritocratico in cui molti credono, non è nient’altro che un mondo pieno di leccaculo infami, pompinare che fanno le ministre, ecc… e quelli che hanno i coglioni e le credenziali per poter fare veramente qualcosa e la sanno fare veramente bene, vengono superati da un coglioncello qualsiasi che non ha dimostrato nulla nella sua vita, tranne che saper leccare e ingoiare sperma… perché non ti chiedi come mai la maggior parte dei geni italiani emigrano? perché non vogliono vendere la propria dignità al mafioso di turno… io non sto a guardare, voglio cambiare il mondo, prima che sia il mondo a cambiare me… e si dà il caso che le vere battaglie sono state quelle dei tanti martiri che hanno lottato e sono morti per farci avere quel pezzo di carta straccia che è la Costituzione, mai tanto violentata come in questo periodo, e la democrazia. vuoi vivere così, allora accomodati pure. io non sono come te, e mi sento orgoglioso di non esserlo. punto.

  26. capisco, a questo punto non ho altro da aggiungere ma mi permetto una noticina finale su quelli che tu chiami martiri; i partigiani hanno “lottato” (come metodi terroristici e di una vigliaccheria senza pari a memoria umana) perchè volevano instaurare un regime comunista in italia, esattamente la stessa cosa successe in yugoslavia, in romania, in ungheria, in bulgaria, fu grazie a Roosvelt che l’italia non finì nel blocco sovietico, infatti da cosa credi che nasca l’odio dei comunisti italiani verso gli americani???? forse non sai che a guerra civile finita si sfiorò una seconda guerra civile quando i partigiani comunisti – che volevano il comunismo in italia – furono “informati” che l’italia sarebbe diventata una repubblica , e questi sarebbero i padri fondatori???????
    vuoi cambiare il mondo? allora comincia a uscire dal mondo delle favole e impara che la storia che ti hanno insegnato a scuola è un mucchio di palle; non ci riuscirai comunque a cambiare nulla, ma almeno avrai una base di partenza.

  27. è singolare constatare come un ragazzo che brandisce un estintore e tenta di sfondare la testa ad un poliziotto venga definito un ragazzino simpatizzante del movimento no global.
    Ma siamo seri,anche io ho subite le angherie di qualche guardia sottosviluppata e analfabeta,ma generalizzare è l’errore più grande….si sbaglia da entrambe le parti……
    p.s. la polizia spagnola è molto più violenta della nostra…..sperimentato di persona.

  28. Salve a tutti. Volevo solo puntualizzare una cosa: al sig.leibenoc consiglierei di evitare di sparare giudizi su persaone che non conosce minimamente (da un blog non si conosce nessuno), perchè solo questo basta e avanza come dimostrazione del fatto che i suoi interventi non sono mossi da interesse per l’argomento toccato, ma solo da una forma di repressione dii sè stesso. Al che mi verebbe da pensare che persone di quel tipo nella vita non hanno niente di meglio da fare che insultare qualcuno senza mai mostrare la faccia ( tipico atteggiamento insegnato da Berlusconi: dire una cazzata e poi replicare: non avete capito). Per Vinnux vorrei dire solo questo: esistono una quantità di sito esteri, e pure dichiarazioni firmate da innumerevoli ambasciatori stranieri che chiedono “spiegazioni” su ciò che è accaduto a Genova. Forse hai ancora molto da documentarti per rispondere a tono a tutti.E comunque, in Italia, ogni responsabilità delle forze pubbliche viene insabbiata: non crederete ancora che Aldo Moro lo abbiano ucciso le BR?

  29. leibenoc o chi cazzo sei. tu stai osando infamare i partgiani? che hanno rischiato la vita per liberare la loro nazione? l’unica cosa che puoi provare nei loro confronti è rispetto. ma vergognati, dio cane! e per quanto riguarda carlo e il g8 del 2001, tu a quanti cortei hai preso parte?
    quante volte hai visto il cordone di polizia togliersi il basco e indossare il casco? quante volte hai visto un manganello alzarti sopra la tua testa? io parecchie, anche se a genova non c’ero. e ti assicuro che, per quanto tu possa essere di buone intenzioni e pacifico, in queste situazioni te ne strafotti. si tratta di salvare la VITA, non di evitare una multa, la VITA!!!! in situazioni del genere non ti contieni più. è la paura che ti spinge. non la rabbia. la rabbia arriva e aumenta e aumenta quando contro dei ragazzi a piedi vedi scagliarsi i cellulari dei carabinieri. questo ti mette rabbia. e quando senti un colpo di pistola. e quando il proiettile fa centro. e quando carlo è caduto, e quando non si sono limitati a UCCIDERLO, ma hanno anche cercato di far incolpare un altro manifestante, con tutta la diatriba del sasso o mica sasso. questo ti mette rabbia. e qunado leggi di un altro ragazzo, anche luiUCCISO dalla sbirraglia fscista mentre tornava a casa. e quando leggi di un proiettile che per sbaglio parte , attraversa sei corsie di autostrada, entra dal finestrino e arriva esattamente nel collo di un ragazzo. questo ti mette rabbia. e quando vedi il loro atteggiamento superbo e fiero. e quando scherzano sulla morte. e quando cercano di fermarti. e tu vai avanti. perchè la sbirraglia fascista non ti può fermare. perchè tu provi rabbia, per carlo, per aldro, per sandri. per gli operai di reggio emilia nei ’60. per questa rabbia tu lotti.
    ORA E SEMPRE RESISTENZA!!!! A. C. A .B.

  30. Un mio amico è stato brutalmente picchiato dalle forze del DISordine per una grave colpa: essere un ultras.
    E’ stato in coma parecchio, ora sta meglio ma la sua vita non tornerà mai più normale, visto che ha seri problemi a camminare e a parlare.
    Ora lasciamo perdere i pregiudizi che uno può avere nei confronti degli ultras.. Ma un ragazzo di 20 anni cosa deve aver fatto di tanto grave per vedersi rovinare la vita?
    Cosa hanno fatto di così imperdonabile Carlo, Federico e Gabriele per meritarsi questa morte?
    Tutti ricordano Carlo con l’estintore.. E’ un comportamento che merita la morte? Forse sbagliato.. Ma allora ai pedofili che facciamo?
    Tanti giudicano e pochi si fermano a pensare che una vita si è spezzata..
    Chi veramente ha visto certe violenze, in una curva o in una manifestazione politica o dovunque sia, non può non provare rabbia verso chi dovrebbe difenderci e invece ci attacca perchè la nostra bocca dice verità scomode..
    Forse non posso generalizzare me loro con noi lo fanno e giu’ repressione.
    Quando è morto Raciti tutti a colpevolizzare gli ultras ma quando è venuta a galla la verità nessun titolone.. Lo sapete com’è morto realmente? Investito da un collega!!!!
    Provo dispiacere perchè la sua vita è finita ma per Carlo, Gabriele e Federico provo un’enorme sofferenza perchè poteva essere un mio amico o.. io.
    Invito tutti a riflettere perchè qui non si tratta di torto o ragione ma di sofferenza vera..

  31. Cara Silvia1911…Approvo in pieno quello che tu dici e spero che leggerai questo e mi risponderai presto….Ho 18 anni sono di Roma e all’epoca del G8 avevo solo 11 anni. Non so percè, ma mi rivedo molto in Carlo. Ho visto e sentito tante cose su quella giornata di squadracce fasciste, e nonostante Carlo non si veda che di rado, io so che lui non era lì per fare casino o spaccare tutto…Io so, anke se non l’ho mai conosciuto ne, pardossalmente, sono mai stato a Genova, Che quando solleva quell’estintore lo fa per tutte le ragioni del mondo, ma non per uccidere. In quella piazza ce n’erano di persone pronte se si fosse presentata l’occasione ad uccidere chiunque portasse una divisa. Ma Carlo no. lui era li perchè era stato testimone di violenze mai viste in uno stato democratico. Lui aveva visto. Solleva quell’estintore per fermare quel carabiniere (ke io considero tra i più infami del nuovo millennio…)ke vuole sparare. perchè diciamocelo: voi credete che se Carlo si fosse defilato quel carabiniere non avrebbe sparato cmq? Si voleva sparare e lo si ra già fatto in Via Tolemaide ( per chi sa i luoghi). Ci sono le immagini nel film della Comencini “Carlo Giuliani Ragazzo”. Nel film che io considero di forte impatto emotivo per chi si è preso la causa di Carlo a cuore. Nel film c’è una lunga intervista alla madre. Quando dico che Carlo voleva fermare il carabiniere pronto a sparare lo dico perchè l’ho sentito dire dalla madre. Io le credo fermamente. Chi conosce meglio un figlio se non sua madre.
    All’inizio dicevo che mi rivedo in Carlo. Lo confermo dicendo che, nonostante lui fosse nato nel 1978 e io nel 1990io sarei voluto essere come lui. Sarei voluto nascere nel 78 e crescere a Genova con lui fino al 20 luglio. Ho chiesto a mia madre se mi avrebbe mandato a Genova se fossi stato più grande. Mi ha detto di no. So che per come sono fatto io sarei scappato e ci sarei andato…ma sto divagando….C’è una foto, che spero abbiate visto: é in bianco e nero e ritrae Carlo fermo in piedi davanti al corteo. Intorno a lui c’è una gran confusione, ma lui non si muove. La madre dice che lui voleva capire. Capire quello che stava succedendo intorno a lui. C’è anche un video che riprende dall’alto la stessa scena. Non lo si vede tirare sassi come tutti gli altri. é vero che ha un lungo bastone in mano, ma lo poserà poco dopo. Così sono io. Ci rifletto sulle cose prima di agire. Cmq lui in quella foto è in testa al corteo. Davanti a tutti. Nessuno è più avanzato di lui. A quaranta metri ci sono i carabinieri. Carlo allora capisce che la situazione lì non si sarebbe sbloccata. E va via. Risale via Tolemaide fino all’incrocio con Via Caffa (sempre per chi conosce i luoghi). Lì aiuta a costruire una barricata con dei cassonetti. Partecipa marginalmente alle violenze, ma aiuta chi è impegnato a difendere un diritto SACROSANTO, cioè quello di poter dire la propria senza essere brutalmente repressi. Lui aiuta perchè si sente vicino, è solidale con queste persone, che in fondo la pensano come lui. Poi parte la carica laterale. L’unica in tutta la giornata. E Carlo è lì. Prova a difendere quella barriata di fortuna. Io so che lui sapeva (scusate il giochino…) che se i carabinieri, circa una settantina, fossero riusciti a superarla, si sarebbe scatenato il panico e ci sarebbero stati altri feriti e forse più morti. E invece, stranamente il reparto fugge. Il resto è storia. Però vorrei fare un appunto: se notate, dalle foto e dai filmati, Carlo è l’ultimo di una serie di personaggi a fare il suo ingresso nell’obiettivo. Non è uno di quegli scalmanati che scaglia di tutto verso il reparto in fuga. Lui punta dritto all’obiettivo. Vede una pistola puntata minacciosamente verso i ragazzi e la vuole fermare. C’è una bellissima frase di Che Guevara, che dice:” Se muoio non piangere per me, fa ciò che facevo io e continuerò a vivere in te”. Be io credo di dover seguire questo consiglio. Mi dispaice di aver scritto così tanto. Chiedo scusa al gestore di questo blog. Cmq io sarò sempre in prima fila a qualunque tipo di manifestazione (di sinistra è ovvio) a gridare il nome di Carlo a gran voce. non ho mai preso una manganellata, ma se servisse a riportarlo in vita io morirei sotto i manganelli. Grazie per l’attenzione e per la pazienza.
    P.S. Continuando a scusarmi, volevo solo aggiungere che la pietra vicino alla sua testa, non è stata solo messa lì. L’hanno presa e gliela hanno data in testa fino a farlo sanguinare . Poi, sporca di sangue l’hanno messa l’ì vicino per fare la grande simulazione. So che c’è brava gente tra la polizia e nei carabinieri, per carità, rispetto per qualsiasi mestiere,però i criminali fascisti che hanno scorrazzato per Genova il 20 e il 21 (nessuno si dimentichi del 21 luglio 2001) li vorrei vedere tutti con un buco nell’esatto punto dove l’hanno fatto a Carlo

    CARLO VIVE I MORTI SONO LORO

  32. Fa piacere che un ragazzo nato nel 1990 (10 anni dopo di me)abbia dei valori così forti. Ho avuto molto a che fare con adolescenti ed è una cosa molto rara.
    Io a Genova non c’ero, conosco molta gente che c’è stata e dai loro racconti trovo molte similitudini con il mio mondo ultras. Sono convinta che la politica debba star fuori dalle curve e le mie convinzioni di estrema sinistra le tengo lontano ma non posso non vedere la violenza che la polizia usa sia con gli ultras sia con i manifestanti no global.. forse per il nostro coraggio di dire la verità..
    Spero che molti giovani crescano come te per non perdere quello che nel 68 molti compagni hanno conquistato pagando anche a caro prezzo

  33. Non credo faccia piacere ad un operaio o ad un qualsiasi uomo o donna delle pulizie(per nn citarne tantissimi altri), sentire che la polizia riceve stipendi mediocri e lavori in condizioni pietose.
    Non dimentichiamo che il 27 di ogni mese il loro stipendio e’ garantito, per non parlare del potere che anche nel quotidiano esercitano mostrando tesserino a destra e sinistra.
    Quando i media generalizzano per evidenziare il disprezzo verso alcuni gruppi di persone, faccio l’esempio degli ultras, non sento i tanti commenti di difesa dei ben pensanti, che quando si tratta di difendere un funzionario dello stato, sono sempre pronti nel dire “fanno solo il loro lavoro”.
    Riflettete bella gente, quando puntate il vostro ditino, perche’ potrebbe toccare ai nostri figli una morte senza alcun senso, come quelle che hanno colpito le famigle di quei giovani ragazzi.
    Sono un onesto cittadino, frequentatore di stadi, non che una persona che ogni volta che viene fermato dalle forze dell’ ordine qualsiasi sia la circostanza, subisce ogni volta un abuso di potere e viene “sequestrato” e portato in questura semplicemente se osa far presente, che non siamo 60 milioni di delinquenti.
    Dal momento che nessuno dall’ altra parte cerca di capire, mi schiero tutta la vita con chi disprezza le forze dell’ ordine ed in particolari con tutti quelli che non hanno mostrato vergogna per i loro colleghi assassini.

  34. In questo blog ho letto i commenti più disparati sui fatti di Genova. c’è chi dice che è giusto, chi dice che non lo è, ma se guardiamo in faccia la realtà, scopriremo che a Genova nei giorni 20 e 21 è scattata una serrata repressione del movimento no-global. Per serrata, intendo violenta e brutale. Hanno provato a radere al suolo un movimento di milioni i persone, cercando, con la violenza di sopprimere ogni tipo di dissenso per quegl otto grandissimi figli di troia che stanno distruggendo il nostro pianeta. Perchè non succede nulla il 16 il 17 il 18 e il 19 Luglio??? Anke li c’erano manifestazioni. Perke non succede nulla? Perchè quello era una cosa marginale. Il 20 c’era la grande manifestazione. Quella “provocatoria” se così la vogliamo chiamare. Gli scudi di plexiglass e tutto il resto. Avevano una scusa per iniziare la devastazione di un movimento. Secondo voi perchè hanno voluto reprimere tutto? Ve lo dico io. perchè era dal lontanissimo 1968 che non si vedeva un movimento grande bello colorato propositivo come quello di Genova. Infatti il 68 è stato quello che è stato. Tralasciando la fase degli anni di piombo e il 77, nessuno era riuscito a ricreare a sinistra un movimento così. Però si era già cominciato a parlarne a Seattle nel 1999(non vorrei sbagliarmi sull’anno), ma Genova è stato il culmine. Per quanto ne sappiamo, il 20, se fosse morto un ppoliziotto o un carabiniere, Lo Stato sarebbe stato tra virgolette ancora più contento. Avrebbe così potuto ribadire con maggior vigore ” eh vedete che fanno quelli del movimento no-global?ammazzano le forze dell’ordine!” Glia avrebbe fatto molto più comodo.E invece è andata come è andata. E ancora oggi la gente continua a votare Berlusconi perchè lui è riuscito a insabbiare alla PERFEZIONE tutta questa storia. Solo ad un anno dai fatti il processo era archiviato! Ma quando mai si è visto in Italia un processo così rapido???!!!(parlo dell’omicidioo Giuliani).Mai. Perchè lo stato aveva bisogno di insabbiare tutto e metterci una bella pietra sopra. Tanto si sa che gli italiani si fanno scorrere tutto addosso come fosse olio.Per questo mi vergogno di essere italiano. Perchè non c’è la giustizia per quelli che la meriterebbero. Poi però se un rom ammazza un’italiano allora è emergenza e dobbiamo chiamare l’esercito. I vi dico invece che gli unici dai quali dobbuiamo stare attenti sono i carabinieri in tenua anti sommossa e i politici con l’ambizione mussoliniana.
    MORTE AL FASCISMO!
    FUORI I FASCI DALL’ITALIA!

    CARLO VIVE!

  35. RISPOSTA A CARLO VIVRA’:
    ho letto i tuoi commenti e credo tu abbia analizzato molto bene l’ argomento, anche se sono anni luce distante da te, quando dici che ti schiereresti in qualsiasi manifestazione e tra parentesi scrivi ovviamente di sinistra.
    Non ne faccio una questione politica, tantomeno ideologica, dal momento che ho scelto di ragionare con la mia testa e non con quella di altri che hanno diviso in destra e sinistra tutto cio’ che non dovrebbe avere fazioni e tantomeno colori.
    Quando parli di squadristi della polizia fascista che mira per ordine dello stato che rappresenta a chiudere la bocca ai manifestanti di Genova, sono d’accordo con te, ma sottolineare il fatto che la polizia sia fascista, mi sembra un presupposto ideologico, dal quale mi dissocio.
    A me come essere umano e come cittadino Italiano, non interessa come sia la Polizia o/e i carabinieri, se sia fascista o comunista, non sottolinerei quello di aspetto, ma semplicemente ridurrei il tutto ad un termine:ABUSO DI POTERE.
    Quello avviene ogni volta che un funzionario dello stato che indossa una divisa, si accanisce in massa e spalleggiato dai suoi colleghi, contro un manifestante, un ultras o un libero cittadino (perche’ nn possiamo accomunare le 3 morti in questione); questo è un abuso di potere e non serve creare un ideologia di destra o sinistra per combatterlo ma soltanto sentirsi uniti e compatti, per non cadere nel triste gioco delle parti.
    Finche’ non usciamo dal contesto delle fazioni politiche, saremo sempre vittime comuni, sia da una parte che dall’ altra.
    Il fenomeno ultras che viene di giorno in giorno represso e messo al centro di ogni dibattito che tratti l’argomento violenza, rappresenta allo stato attuale l’unico che riesca in citta’ diverse(nere e rosse) ad unire un unico obiettivo, che se ben studiato e reso piu’ opportuno, è l’arma piu grande contro l’ abuso di potere.
    La parola acab, di cui conosciamo il significato, purtroppo e’ solo una parola dietro la quale si nascondono molti giovani che non sanno nemmeno come si chiamano, ma il suo significato unisce gente di diversa fede calcistica e politica che invece sa bene cosa vuole e dice a chi abusa del suo potere : “bastardo siamo qua….siamo tanti e tu finche’ saremo qua in tanti non farai cio’ che vuoi”.
    Non so se mi sono spiegato, ma freghiamocene della politica e combattiamo chi ci vuole far tacere con intelligenza ed unita’, da italiani veri e non da italiani del cazzo che si lamentano come dei pecoroni e parlano sempre di destra o di sinistra.
    Lasciamo da parte le idee inculcateci nella testa ed accendiamo il lume della ragione.
    I 3 ragazzi citati sono morti in circostanze diverse ed i loro assassini sono impuniti, questo e’ l’unica cosa che ci dovrebbe unire.
    Ciao.

  36. In risposta a Luca 79.
    I miei genitori mi hanno sempre detto che con la violenza non si risolve nulla. Giusto. Ma la leggittima difesa può e deve essere giustificata. Bisogna un attimo fare chiarezza su queste due parole “leggittima difesa”: credo che, se consideriamo i fatti del luglio genovese dall’esterno, come sto facendo io che allora di anni ne avevo solo 11 come ho già detto, noteremo che cercare di respingere una violentissima carica dei carabinieri ad un corteo autorizzato, mi sembra più che leggittimo. Non nego che ank’io avrei fatto la mia parte per la causa. Non lo nego, anzi direi che mi sarei messo nelle prime file. Quando però, dopo tre ore di cariche e controcariche (perke nel frattempo ai carabinieri in via tolemaide si erano uniti i poliziotti), una inutile e puramente a scopo violento, carica laterale al corteo già provato e fatto allontanare, un intero reparto fugge con i defender appresso, e la manovra di ripiegamento non è neanche eseguita in modo corretto perche le camionette dovrebbero stare ai lati o davanti e non dietro ad ostacolare appunto una possibile ritirata, Il fatto che i ragazzi la inseguano è sempre leggittima difesa, perche è come se un ladro ti entra in casa e tu non solo ti fai menare, ma ti fai menare da più parti e in modi diversi. Allora se ti resta un po di forza tu attacchi per riprenderti il tuo spazio. Quella del carabiniere non è leggittima difesa perchè nessuno minaccia la sua vita. Se si va a intuire la sua posizione all’interno dell’abitacolo, niente potrebbe ferirlo tanto da ucciderlo. Nemmeno l’estintore di Carlo.
    Cmq quando tu parli di un semplice ABUSO DI POTERE, io non sono propriamente d’accordo, perchè ci sono le testimonianze dei ragazzi portati a Bolzaneto. Se non le hai lette o sentite, in pratica dicono che li facevano camminare lungo un corridoi col braccio destro teso alzato a mò di saluto romano e gli facevano dire canzoni oscene contro gli ebrei i neri e gli zingari. Gli facevano cantare cose come faccetta nera….Quindi quando io parlo di squadrismo fascista, mi riferisco non solo a Bolzaneto cmq….Una carica di polizia e carabinieri ci poteva stare…Il corteo delk venti luglio era preparato a ciò…Quello che non capisco è l’accanimento su gente goà aterra o già ferita…Non me lo so spiegare che con la presenza di elementi fascisti all’interno di quasi tutti i reparti delle FdO.
    Io però non mi sogneri mai di prendere un carabiniere che mi ferma per strada e ammazarlo di botte solo perche porta la divisa. Anke se non posso fare a meno di chiedermi ogni volta che ne vedo uno per strada se lui a Genova c’era o no….Non posso saperlo, quindi diffido…..

    ciao
    CARLO VIVE E SEMPRE VIVRA’ IN NOI!

  37. hai ragione vecchio. carlo vive !!! in ogni corteo in cui la polizia torna a mostrare la sua abilità nella repressione, la sua violenza… ogni volta che un abuso, un’ingiustizia, la negazione di un diritto viene contestata, carlo è li, in ognuno di noi. a me viene da piangere, (anche se dirai ”che skinhead è uno che piange?!?!). carlo per cercare di ottenere un mondo migliore, per avere un mondo diverso, ha perso la vita LA VITA!!!! e nessuno può avere il permesso di togliere la vita a un’altra persona e rimanere inpunito. come hai detto, non hai mai subito una carica preso una manganellata. io si. e quando ciò ti accadrà, la rabbia, l’odio che provi dentro di te, il ricordo di carlo, ti spingeranno. nella tua resistenza ci sarà anche carlo. perchè CARLO è VIVO E LOTTA INSIEME A NOI!!!!! LE NOSTRE IDEE NON MORIRANNO MAI!!!!!
    A. C. A. B.

  38. In risposta a Red Skinhead
    quello che tu dici è esattamente ciò che io provo. io so che Carlo è li. Lo sento. Vorrei che ognuno di noi lo sentisse. Perchè ti da una carica e un energia incredibile. Sapere che lui sarà sempre al nostro fianco, ovunque ci sarà oppressione di polizia fascista, ovunque verranno aggrediti innicenti manifestanti, lui sarà presente e spingerà ognuno di noi ad aiutare il prossimo, proprio come ha fatto lui

    CARLO FINO ALL’ULTIMO E’ RIMASTO DAVANTI!!!
    ONORE AL COMPAGNO CARLO GIULIANI EROE ITALIANO!!!

  39. per Carlo Vivrà sempre In Noi
    ti sei mai visto il video UNO A ZERO PER NOI? se non l’hai mai visto, vai su you tube a guardartelo. e dimmi quanto odi. quanto ti senti male, quanto ti incazzi. A.C.A.B.
    carlo vive!!!!!!!!!!!!!!11

  40. Certo che l’ho visto! Hoprovato una sensazione orripilante! Credo di non essermi mai sentito niente di più terrificante… Credo che persone del genere andrebbero allontanate…. DALL’ITALIA!!!!

    CARLO VIVE LOTTANDO INSIEME A NOI!!!!!1

  41. Per tutti quelli che hanno letto i miei precedenti interventi…
    Venerdì 24 ottobre ho partecipato alla manifestazione degli università che dalla stazione si è poi spostata al festival del cinema di Roma… Ci hanno menato! Arriviamo al festival e iniziamo a correre verso il fondo, quando un robusto cordone di puffi ci sbarra il passaggio. Volano insulti da tutte e due le parti, vola qualche bottiglia e poi cominciano a spingere con gli scudi. ero li. Ci allontanano di circa due metri, ma ci rifacciamo sotto. Volano alcuni calci, dal fondo si alza una sola voce
    “ROMA LIBERA!!!!!!!!!!!!!!!!!”. A quel punto partono le manganellate. dura in tutto circa un minuto. In quel fragente mi è risalita tutta la rabbia che avevo da tempo accumulata. Calci spintoni, ma tutto finisce lì. Ho rischiato di prenderle due manganellete, ma sono sempre riuscito ad evitarle ed a ritirarmi in tempo prima che mi colpissero…non era per paura era per il fatto che la manifestazione era stata pacifica e per due puffi non ce la facciamo rovinare! Poi due cori si sono levati uno dietro l’altro: “VERGOGNA VERGOGNA!!!!!” E “NON ABBIAMO PAURA DI VOI!!!!”. mi sono sentito bene. gli avevo dato due calci e non ero stato menato. Gli avevo strillato di tutto e loro non hanno fatto gran che…. Cmq è in atto una repressione violenta del movimento studentesco!
    BERLUSCA BOIA!!!!!!!IL FASCISMO NON LO RIVOGLIAMO!!!!!!!
    CARLO E’ VIVO E LOTTA INSIEME A NOI!!!!!

  42. visto che alla fine è successo?
    visto quanto odio hai provato per quei luridi bastardi pezzi di merda, assassini?
    anche io ieri le ho porese un paio di manganellate, e tra l’altro lo stesso digos che ha ordinato la carica, poi è venuto a chiederci se ci eravamo fatti male. ma vaffanculo uomo di merda!
    A.C.A.B.

  43. è vero xò ci sono polizziotti bravi e giusti ma quelli nn fanno le pattuglie e tanto meno sono nel settore DIGOS quelli un pò bravi sono sui posti alti a grattarsi un pò le palle negli uffici e sono quelli con un pò di cultura…quelli invece della DIGOS e ke fanno pattuglie è gente poveraccia e ingorante per la maggior parte dei casi!!! che nn sa che lavoro fare e si arruola e basta… CMQ alla fine tutti i polizziotti sono bastardi xke sono schiavi dello stato e usati x fare del male e far divetare triste e depprimere la gente e poche volte agiscono nel bene…saluti da un giovane anarchico…ACAB

  44. concordo in pieno con i contenuti di questo articolo. comunque occorre ricordare che c’è una bella differenza tra un pulotto panzone invecchiato che se ne sta seduto da una vita in amministrativa e le belve fasciste appositamente allevate addestrate e indottrinate che vediamo in azione nelle piazze o lo sbirraccio frustrato che ti minacia agitandoti la bocca del mitra davanti alla faccia senza uno straccio di motivo , insomma che ci sia qualche cretino è fisiologico e non occorre fare generalizzazioni. poi però leggi le intercettazioni delle comunicazioni di questi paladini e ricaschi di nuovo nel considerarli più un pericolo che una garanzia. ma alla fine una conclusione va tratta ed è che quel che veramente conta è che chi fa il violento e lo squadrista deve essere punito duramente e poi espulso per sempre, soprattutto perchè se non si fa questo poi non c’è più la tenuta morale dello stato. perchè poi quando diciamo A.C.A.B. abbiamo ragione noi, il che può fare piacere ma sarebbe meglio di no. perchè alla fine si finisce per identificarli in nemici sadici non diversi dai delinquenti e allora chi ha perso è lo stato, le istituzioni, loro, noi, tutti. perchè poi quando ne fanno fuori uno a caso magari anche decente siamo tutti contenti e diciamo bene, speriamo che domani ricapiti, e a questo punto la società è spezzata e merita solo di essere buttata via. e la colpa è di quelle forze politiche di destra che vogliono la polizia come una manovalanza di mercenari della repressione , col bel risultato di radicalizzare gli odii sociali e politici in uno scenario nel quale se stai con noi hai sempre ragione, se stai con loro hai sempre torto. il che non è per niente intelligente.

  45. “””si finisce per identificarli in nemici sadici non diversi dai delinquenti e allora chi ha perso è lo stato, le istituzioni, loro, noi, tutti.””
    loro sono il braccio armato dello stato, la forza, diciamo, antirivoluzionaria.in piazza loro sono lo stato. e allora è lo stato che carica, che manganella a destra e a manca, che arriva anche a sparare!!!
    io non mi identifico in questa bella e brava gente. non mi identifico nello stato, che mi reprime e non mi vuole, che mi nasconde. io identifico nello stato un mio nemico.

  46. certo che siamo veramente alla follia al disprezzo della vita e delle fatiche che i nostri padri hanno fatto per uscire dalla guerra e ricostruire una nazione

    mio padre era un copagno vero, un compagno che credeva in quello che faceva che andava alle manifestazionio per i lavoratori che ha vissuto una vita politica e sindacale intensa quasia discapito dei suoi cari l’ha fatto nel convincimento che serviva qualcosa per cambiare …. e sono sicurao che qualcosa lui è riuscito a fare ma senza violenza e nel rispetto di tutti e sono orgoglioso di essere suo figlio

    ah dimeticavo, mio padre era metalmeccanico e lavorava in fabbrica

    ora vorrei tanto capire cara (?) silvia 1911 ma tu nel 1968 che cosa facevi? eri una delle solite nullafacenti che si trascinavano dipiazza in piazza alla ricerca di emozioni forti o come mio padre hai fatto qualche seria battaglia per migliorare la vita di tutti ma stando comunque al tuo posto

    fammi capire cosa eri nel 1968

  47. insomma cara silvia e cari tutti voi che scrivete belle parole a volte senza significato o perchè qualcuno sta istruendo il vostro cervello “avete mai provato a lavorare? a guadagnarvi la michetta inuna fabbrica tessile con il rumore dei telai che ti assordano orecchie e cervello per 8 ore?” “avete mai provato a fare il manovale in una ditta edile” “avete mai saldato a filo per 8 ore continuative e tornati a casa vi siete dovuti fere gli impacchi di le patate per la faccia gonfia e gli occhi arrossati” e magari poi tornare a casa e stare con i tuoi figli e tua moglie e gestire una famiglia… forse vi passerebbe la voglia non sono un qualunquista, ma ce modo e modo di far sentire la tua voce, ce modo e modo di poter essere determinati nella società… se qualcuno ha qualcosa di interessante da dire o da proporre non può far altro che farlo, ma non imporlo a nessuno se saprà essere convicente avrà raggiunto il suo scopo ma senza violenza

    vi hanno raccontato un mare di cazzate del G8 vi hanno fatto vedere qeuello che volevano perche il momento storico imponeva certe dimiche ed ancora una volta sono riusciti ad intrupparvi il cervello, siate uomini liberi con libero pensiero e non vendetevi a nessuno lottate per le vostre idee ma senza infrangere le regole del vivere civile

  48. Potete sbattervi quanto volete signori, per è accaduto a fortuna che tutto ciò che è accaduto a Genova è filmato, e la gente può vedere come i dimostranti “pacifici” hanno distrutto la città, come il bandito Carlo giuliano e morto da balordo quale era, e come i Genovesi volevano menare, letteralmente menare i poveri dimostranti.
    La gente è stanca di voi, vedi che fine hanno fatto i comunisti in Parlamento, le persone hanno bisogno di cose concrete, come dice Pasolini il vero popolo, degni figli sono i Poliziotti, per il resto fatevi un bel cannone, tanto solo quello potete fare nella vita e non pensateci piu’

    • Che i comunisti siano fuori dal parlamento a me non importa un cazzo…
      Hai ragione a dire che ci sono filmati e registrazioni… Ed è appunto con quei filmati e quelle registrazioni che si capisce come la polizia si sia fatta i cazzi propri. Sbaglio o un poliziotto in una telefonata disse “Uno a zero per noi, quando Carlo è morto?”… E sbaglio o dai filmati si vede che il bordello è stato generato anche dai Black Blocks? I Black Blocks non erano dimostranti pacifici! E i Black Blocks hanno sfasciato tutto prima che la folla reagisse alle cariche, non certo pacifiche, della polizia. Se tu sei per strada, ti scambio per un tipo che conosco e che odio, e ti ficco un palo nel culo tu che cosa fai? Ti difendi o non ti difendi? La risposta per me è semplice… Non ti difendi perché sei abituato a prendere mazze in culo, proprio perché paghi le tasse e mantieni noi “poveri sfaccendati”… Ma vai via va!

  49. N.B. si ho letto chi sei, uno studente sfaticato prossimo disoccupato che parla tanto ma nella vita vera non ha mai fatto nulla di concreto.
    Farai carriera in politica, bravo

    • La politica la lascio fare a quelli come te… a me non importa… Comunque sono pronto ad accettare consigli da parte tua su come fare “qualcosa di concreto nella vita”… Sono tutto orecchi!

  50. E’ pensare che pago le tasse per dare a mangiare a dei nullafacenti come voi.
    Vinnux vai a lavorare, braccia rubate all’agricoltura.
    A se ci fossero i compagnucci i una volta tipo Pol Pot, vi manderebbe tutti in risaia per rieducarvi, e così che vi piace vero.
    Parlate, parlate, che voi non potete sapere cosa è la rivoluzione e la morte, parlate, continuate a parlare che è maglio, ed un bel cannone perchè fa bene .

    • Si dà il caso che io ho lavorato in campagna e rispetto quelli che lo fanno… Tu, invece? Chi cazzo sei per venire qua e fare il saccentone? Chi cazzo sei per permetterti di offendere dietro lo schermo di un computer. Se solo volessi, potrei denunciarti per diffamazione… Non è difficile sai? Basta prendere l’indirizzo IP ed è fatta… Solo che persone come te, leccaculo da una parte e dall’altra, riuscirebbero anche a sovvertire ogni esito possibile. Quelli come te sarebbero capaci con una telefonata di far cestinare anche una denuncia… Mafiosi di merda… Leccaculo senza una dignità… Prenditi il cannone e ficcatelo su per il culo…

  51. Per quanto riguarda le denunce, prego accomadati pure se vuoi ti posso dare le mie generalità cosi non ti scomodi con L’IP, poi vedremo chi diffama, inguiria e calunnia, per il resto la telefonata di un singolo poliziotto che fa una battuta stupida, contro tanti delinquenti che hanno distrutto Genova…..ba la gente ha visto e valutato la cosa, tu rimani delle tue idee, sai molte volte essere convinti nonostante tutto fa bene.
    I poliziotti non odiano, sono professionisti, hanno di meglio da fare che “odiare”, per loro è solo un lavoro, le persone come voi “odiano”, si macerano nell'”odio”, fanno bei discorsi ma nulla di concreto per migliorare la società.
    Hai voglia di dire , le immagini sono registrate, ed alla realta non si scappa.
    Lo so che pago le tasse, perchè lavoro, io.

    • Io ti denuncerei, ma non lo faccio perché non sono così meschino. Però evita di offendermi senza nemmeno conoscermi. Per quanto riguarda tu non sei nulla per me e io non sono nulla per te. Poi chissà, può essere che in real siamo amici e nemmeno lo sappiamo… quindi modera il linguaggio…

  52. Non preoccuparti comunque, non scriverò piu’ sul tuo blog, a te piace circondarti solo di persona che ti compiacciono e non dissentano dalle tue “fissazioni”, e poi gli altri sono fascisti.

  53. Certo che siamo amici, anche se non ci conosciamo, ci si scalda su alcuni argomenti ma senza astio, io ho bisogno di persone che la pensano diversamente da me, mi aprono l’ orizzonte o rafforzano mie convinzioni, si ti ho offeso, scusami, ho ecceduto perchè volevo sentirti urlare quello che veramente avevi dentro, ok, buon lavoro e in bocca al lupo per tutto.

  54. N.B. e tutti quelli che sputano sui poliziotti, in realtà sono loro amici, solo che “non è trendy”, meglio dire che “ho accoltellato un poliziotto”, che “ho un amico poliziotto”, forse farà più figo, e chi lo sa!

  55. dedicato a quello ke sembra un destrocentrista…svegliati nn sai qunate cose i potenti tramano alle nostre spalle e quanto ci prendono x il culo e ogni giorno abbiamo sempre meno libertà.SPEGNI LA TV!ACCENDI LA MENTE!

  56. ah…dimenticavo…x quella cosa degli amicizi poliziotti nn si può mai sapere le soprese ke ti da la vita…e poi nn credo ke ci sia gente ke faccia cm dici te…saluti…(A)

  57. allora… ho letto due solo minchiate he avete scritto. e sorge spontanea una domanda prima di tutti i vari discorsi.

    Perchè voi comunisti-anarchici-black bloc o come volete farvi chiamare manifestate violentemente e nn pacificamente????? e da qua parte tutto un discorso lunghissimo.

    Il diritto di manifestare è sacrosanto, e nessuno al mondo, lo deve abolire o restringere. Va benissimo bloccare le strade, i treni etc etc. Ma perchè manifestare violentemente??? chi lo fa, va preso e “rieducato”. potete venirmi a dire tutto quello che volete poi.

    io sono stato a manifestazioni a Genova di cortei studenteschi. e nn è mai successo niente. forse perchè nn ci sono stati violenti tra di noi??

    Ora. ricordatevi una semplice cosa. La polizia è LO STATO. E chi attacca lo stato va perseguito. fino alla morte per quanto mi riguarda.

    qnd manifestate qnt volete ma civilmente, dissociatevi dai violenti e escludeteli dalla massa.

    un saluto a tutti

    • sono l’inventore del nome acab, che non era sigla, nel 2’006 ; era un re di israele, che consigliato dalla moglie aveva, con false accuse di bestemmie contro dio e il re, e due falsi testimoni, fatto lapidare Nabot, a cui poi aveva rubato la vigna ; i 78 discendenti di Akhab e Gezabel furono uccisi tutti alla 4^ generazione, perchè Elìa il tisbìta aveva scoperto e condannato Akhab, e la vigna tornò agli eredi dell’unico figlio di Nabot che non fosse stato ucciso dal re e dai delinquenti parenti del re ; acab vuol dire quindi che quando lo stato commette un delitto, perchè qualcuno usa lo stato per deliquere, il qualcuno, chiunque egli sia, va perseguito per l’eternità, sino ad estinguerlo,e i suoi delitti vanno raccontati e conservati in archivio

      • le polizie non sono lo stato ; lo stato siamo tutti
        noi , mentre dai componenti delle forze
        dell’ordine ho visto fare cose che non vanno
        bene ; non ho visto poveri tra loro, anzi gli
        alloggi delle famiglie delle forze di polizia sono
        grandi, e hanno di solito più di un figlio, il che ,
        nel nord-italia e altri posti, è impossibile .
        Durante la guerra gli antenati di coloro che
        vediamo oggi nelle forze di polizia hanno
        compiuto massacri di civili, uccidendo anche
        bimbi di 2..4 anni , in zone che da allora non si
        sono più riprese, poi si intestavano i beni di
        coloro che avevano ucciso, sono stati trovati i
        documenti all’ufficio del registro, gestito in quel
        caso da altri delinquenti. All’UPI ufficio politico di
        investigazione , tra il 1943 e il 1945, tali
        individui, dopo la guerra passati alla digos e ai
        servizi segreti, in cui si entra dalle forze di
        polizia, torturavano e uccidevano e si
        impadronivano dei beni, anche estorcendo ai
        parenti,, delle vittime che detenevano
        ingiustamente . Ne facciamo a meno di gente
        come voi, siete in debito con noi e non vi
        basterà neanche eliminare i vostri stessi figli ,
        perchè la gente dimentichi cosa avete fatto. i
        black block siete voi, basta guardarne il
        comportamento, e seguendoli si vedono poi
        parlare con voi, cioè con i loro colleghi; i miei
        genitori li avete fatti morire di disperazione a
        furia di tormentarli, e noi non abbiamo mai fatto
        male a nessuino, ma intendevate arricchire la
        mafia locale che voleva la nostra casetta;

        perchè lo avete fatto ? speravate nell’impunità
        ? pagherete vedendo i vostri figli morire di
        fame, come meritate, e non avrete nè stipendio
        nè pensione, nè lavoro in conseguenza naturale,
        senza che noi muoviamo un dito, dei vostri atti ;
        così come al termine della guerra di sterminio
        dei tedeschi anche voi sareste stati eliminati,
        così i ricchi oggi molleranno anche voi, che in
        futuro non servirete più . addio

      • i massacri del 1943..1945 sono stati raccontati dai testimoni, e tutti concordano, e sono documentati dalle SS tedesche e da particolari reparti Wermacht, nei loro rapporti, dove si legge che le forze di polizia, ad esempio “un reparto di carabimieri” partecipavano, e perfino i massacratori presi vivi confermarono tutto confessando ; chi aveva fatto almeno tre rastrellamenti, quindi aveva già uccio civili, e chi era stato visto farlo, furono fucilati dai partigiani; non avete scampo nè nello spazio nè nel tempo; confessate quindi tutto, e ammettete che avete cercato di coprire i vostri delitti , e dimostrate il motivo del votro agire, invece di chiedere di credere il falso

  58. Snipergio… eri partito bene nel commento precedente… Adesso ti contraddici. Non ami la violenza e predichi sofferenza? Certo che hai le idee convinte tu! C’è un detto dalle mie parti che dice: “Non sputare verso l’alto perché rischi che ti torni in faccia!”

  59. per quello che ha commentato sotto di me:

    le vittime dello stato siamo noi e non certo loro.
    e fidati che non fanno un cazzo dalla mattina alla sera la maggiorparte di loro,stanno nelle città a guardare e a controllarti ogni secondo della tua vita che tu NON sia libero.

    ACAB

  60. ma voi pensate che essere libero voglia dire vivere nell’anarchia??? io vorrei che gente come voi avesse a che fare per esempio con la mafia, o vivere in una città piena di extracomunitari che hanno le loro zone e rischi un accoltellamento ogni volta…. io li brucerei tutti….. oppure porterei con me il mio cane….. dogo argentino, che appena si avvicina un immigrato sembra che abbia visto il diavolo e diventa ingovernabile…. aahahahhaa

  61. Snipergio, da siciliano DOC ti posso dire che convivo con la mafia. E non trovo niente di diverso tra la mafia siciliana e la mafia di berlusconi e di questo governo. Quindi non venire a farmi la predica su che cosa è la mafia, perché se la temeste veramente non votereste a cazzo di cane ogni sante elezioni.

    Per quanto riguarda gli immigrati: smettila di dire cazzate. Ci sono statistiche che dicono chiaramente che l’Italia è tra i primi paesi più sicuri in Europa. Altre statistiche dicono che tra tutti gli omicidi e stupri in territorio italiano, i fautori sono per 7 decimi italiani… quindi il 70%. Quindi smettila di credere alle cazzate che ti vengono a dire nei telegiornali per favore. Sei anche tu un cervello fritto, niente di più.

  62. Piccole riflessioni, dopo aver letto i molti commenti.
    Io non sono né di destra, né di sinistra.
    Non odio la polizia, ma si sa il detto chi sbaglia paga.
    Il problema di molta gente, è che è troppo estremista.
    Rispondo a Carlo vive:
    Tu mi vuoi dire che Carlo Giuliani, ha alzato l’estintore per proteggere gli altri dai poliziotti? bel modo. -.-‘
    Se vuoi protestare pacificamente, non prendi un’estintore, intoni cori, fai striscioni, ma non indossi un passamontagna e non prendi in mano un estintore e non carichi le braccia per gettarlo (così si evince dalle foto) e secondo il mio parere lo stava facendo. Ma bisogna ammetterlo, il poliziotto è stato un bastardo e merita una punizione esemplare.

    Per Federico Aldrovandi, ok a me dispiace un botto, mi duole il cuore.
    Però bel modo di passare un sabato sera, ovvero farsi. Gli esami autoptici, hanno confermato che Federico aveva preso ketamina, eroina e cannabis in minime dosi.
    Supponiamo che Federico, abbia avuto il suo momento di presa a male, dovuto alle droghe, ovvero un’attacco di panico.
    Si è visto arrivare questi poliziotti che volevano ammanettarlo e ha opposto resistenza. La situazione è sfuggita di mano e i poliziotti ne hanno approfittato per divertirsi un pò. Risultato è morto.
    Ok ok, i poliziotti meritano di esser uccisi direttamente, ma poniamoci la domanda. Se la mia supposizione fosse vera e cioè che Federico a causa delle droghe, abbia avuto un attacco di panico e si sia lasciato trasportare da esso, la colpa non è un pò sua? Cioè, ci sono mille modi per divertirsi. Ma non drogarsi. Capita in molti, di fumarsi una canna e avere un attacco di panico.

    Su Gabriele Sandri, nulla da obiettare…

    Ma, prima di giudicare, bisogna riflettere. Cavolo, ok so che in molti mi odieranno per ciò che ho detto, ma la mia opinione è questa, che piaccia o meno.

    • infatti la droga è un’altra grande piaga di oggi!
      non starò a dire se fa bene o male, ma è proprio una vaccata! la vita è una. e se avessi un amico che fa qualcosa di più che fumarsi una canna al sabato sera, credo che lo prenderei a bastonate.

      EROINA, FASCISTA E POLIZIA! UNO PER UNO VI SPAZZEREMO VIA!!!!

  63. Non è una cattiva osservazione, ma capisci che se ognuno di noi si deve divertire con qualcuno, che è in seria difficoltà, anziché aiutarlo, allora il mondo è una puttana. Non ha senso che i poliziotti si scagliano contro un ragazzo di 18 anni fatto. Loro avrebbero dovuto aiutarlo, con la forza magari, ma non con la violenza. Carlo Giuliani è morto perchè molto probabilmente avrebbe lanciato l’estintore. Ma non siamo scemi. Credi che l’estintore può essere paragonato ad una pallottola? Credi che sia legittimo sparare ad un tipo che ti sta minaciando con un oggetto contundente che molto probabilmente si sarebbe infranto contro la fiancata dell’auto? Non diciamo sciocchezze. la verità è che quel giorno i poliziotti l’hanno preso come una guerra. E la maggior parte di loro ne ha approfittato per fare valere la teoria del superuomo, che tutto può e a cui nessuno deve cagare il cazzo, soprattutto questi comunisti di merda… E la dimostrazione di quello che dico è data dal comportamento indecente avuto da qualcuno di loro in caserma. Non c’è sempre bisogno di ricordarlo quell’episodio, a meno che a te non piacerebbe essere messa in fila a cantare faccetta nera con il braccio alzato.

  64. be io credo che quelpezzo di merda con l estintore in mano abbia fatto la fine che meritava e al carabiniere che lo ha sparato e l altro che lo ha schiacciato con la retromarcia del fuoristrada nn li sospenderei dal servizio oppure processare come vorrebbero i fottuti democratici e comunisti (i finocchi)ma gli darei una bella medaglia d onore a ognuno di loro e un altra cosa non fate i sapientoni frocietti comunisti dai che siete squallidi

  65. Sto leggendo il blog della mamma di Fede, che riporta fedelmente le testimonianze in aula. Sono agghiaccianti :|.
    Poi rettifico, Fede ha solo preso della Ketamina.
    Forse non l’ha manco avuto il bad trip… Sono sconvolta!

  66. “be io credo che quelpezzo di merda con l estintore in mano abbia fatto la fine che meritava e al carabiniere che lo ha sparato e l altro che lo ha schiacciato con la retromarcia del fuoristrada nn li sospenderei dal servizio oppure processare come vorrebbero i fottuti democratici e comunisti (i finocchi)ma gli darei una bella medaglia d onore a ognuno di loro e un altra cosa non fate i sapientoni frocietti comunisti dai che siete squallidi”

    Da queste parole si evince la frustrazione per una vita sfigata da parte di quel cretino che le ha scritte. Vuoi un consiglio? Vai da uno psicologo, ammesso che si sia qualcuno disposto ad aiutarti… o sennò togliti la vita… faresti un gran servizio al mondo e a te stesso! Peace and Love, asshole!

  67. Noto che la sagra della cazzata va sempre di moda.

    “Fede ha solo preso della Ketamina.”

    Ah, solo?

    “Credi che sia legittimo sparare ad un tipo che ti sta minaciando con un oggetto contundente”

    Un magistrato ha detto di sì.

    “molto probabilmente si sarebbe infranto contro la fiancata dell’auto”

    Poi prestami la palla di cristallo, che può tornarmi utile.

    Però avete ragione. Le forze dell’ordine non devono piacervi per forza . Fate una bella cosa, se mai avete necessità non chiamateli, fate risparmiare soldi a tutti. Se vi entrano i ladri in casa, o qualunque altra amenità, telefonate a qualche disobbediente civile o come si chiamano ora. Loro vi sapranno proteggere.

  68. Si solo, vai a leggere il risultato delle autopsie.
    E leggi di cosa è morto.
    Sai con il tuo ragionamento (che secondo te non è sbagliato, ma questo solo secondo te 😉 ) leggo una certa disinformazione. E’ come dire che Giuliani se l’è meritato o Gabriele Sandri se l’è cercata. Nessuno.. a nessuno, viene negato il diritto di vivere, anche se è in torto marcio, anche se prende un estintore per gettarlo verso una camionetta… Anche se hai una crisi nervosa da droga e ti senti minacciato e impaurito dalla divisa.
    E anche se esprimi il tuo esser tifoso con violenza.
    O vuoi che ti porti l’esempio di Rasman? Sai di cosa è morto? soffocato, perché gli agenti si son seduti sopra.
    E Rasman era pure un pò tardo.
    Io ho fiducia nella polizia, ma quando accadon ste cose permetti che si alzi il mio sdegno?
    Son esseri umani, ma se non ci stanno con la testa, si dessero all’ippica -.-.
    (tipo Placanica che prende antidepressivi o Spaccarotella, che appare in tv di schiena e piange… UOMINI DURI EH !!!)

  69. “vai a leggere il risultato delle autopsie.
    E leggi di cosa è morto.”

    Di lavoro non faccio il magistrato, e neanche il medico.

    “Giuliani se l’è meritato”

    Un magistrato ha detto che non era il caso di condannare qualcuno per quella morte, punto.

    “Nessuno.. a nessuno, viene negato il diritto di vivere, anche se è in torto marcio”

    Neanche ad un ispettore di polizia, che stava facendo il suo lavoro ed è stato ucciso. E ha lasciato una bambina piccola, e una moglie. E non gli hanno dedicato piazze o sale di palazzi governativi. E nessuno ne ha fatto una polemica. E non si era nè drogato, nè brandiva estintori. Ti pare poco?

    “Son esseri umani, ma se non ci stanno con la testa, si dessero all’ippica”

    Non sta a te, nè a me, decidere della loro idoneità. La gente piange a prescindere dalle professioni, che discorsi sono?

  70. “neanche ad un ispettore di polizia, che stava facendo il suo lavoro ed è stato ucciso. E ha lasciato una bambina piccola, e una moglie. E non gli hanno dedicato piazze o sale di palazzi governativi. E nessuno ne ha fatto una polemica. E non si era nè drogato, nè brandiva estintori. Ti pare poco?”

    Quell’ispettore di polizia è morto investito da un collega… non c’è stato nessuno che gli ha sparato a sangue freddo o gli ha sbattuto un estintore in faccia…

  71. “Una settimana prima della sua morte, Raciti testimoniò circa i fatti riguardanti un tifoso fermato per intemperanze, ma lo stesso venne poi rilasciato dal magistrato inquirente. Secondo quanto raccontato da uno dei suoi colleghi, il teppista, appena rilasciato, andò a ridere in faccia all’ispettore in segno di scherno.

    Raciti morì a Catania il 2 febbraio 2007, due ore circa dopo il termine della partita, a seguito di un trauma epatico causato dall’impatto di un corpo contundente non individuato, sul quale sono tutt’ora in corso delle indagini”

    Certe risposte, certi modi di pensare sono un’offesa a chi ha perso la vita per difendere il proprio Paese e gli altri.

    Sapete solo fare le vittime.

  72. continuo con la frase successiva che hai preso da Wikipedia…

    “I mass-media per lungo tempo non rivelarono la possibilità che Raciti fosse stato investito dallo sportello del fuoristrada (Land Rover Discovery) dei colleghi che si muoveva in retromarcia, e da cui era disceso a causa del denso fumo che aveva invaso il veicolo.”

    Chi è che fa la vittima?

  73. Di sicuro non le forze dell’ordine dato che io di piazze o di piagnistei di massa non ne ho visti, perchè non è che stesse là a passeggiare. O non è che i fuoristrada facciano retromarcia a sportello aperto così tanto per sport.

    In ogni caso, non siamo d’accordo e probabilmente non mi spiego.

    Continuate a fare come credete.

  74. mi chiedo come sia possibile farsi condurre dalla propria ideologia, dalla propria appartenenza, o da una semplice simpatia di parte ad esprimersi in modi che lasciano allibiti, manovrati come marionette (o meglio pupi siciliani, in onore di vinniux).
    è proprio vero che si può vedere solo quello che si vuole.
    possibile che non si possa ragionare? cercare di capire, per quanto possibile, senza essere condizionati da quanto di più fazioso possa entrare in campo nei fatti? generalizzare in maniera assurda?
    in questo modo, invece di stimolarci nella ricerca della “pace”, e nell’ordine di una comunità, non si fa altro che schierarsi esasperando lo scontro e caricando ogni volta di pressione ogni situazione “a rischio”, così come – tanto per citare una delle occasioni più frequenti – succede ai g8, e come è successo a genova. si partiva già male, con dei criminali frammisti ai manifestanti pacifici e dei poliziotti esaltati in mezzo a poliziotti in gamba. per quale motivo dobbiamo ancora vedere quesi assurdi scritte “ACAB” o “AACAB” (almost significa “quasi”!!!)? che dire allora dei manifestanti violenti? che anche loro sono tutti, o quasi, bastardi? lo stesso discorso si applica ai cosiddetti “tifosi”. io sono di quelli che pensano che chi sbaglia deve pagare. da una parte e dall’altra. ma non solo: dovrebbe esistere il coraggio di isolare coloro che si rendono responsabili di violenza proprio nei propri compagni o colleghi. penso che una persona che va ad una manifestazione con un passamontagna e una spranga in mano non abbia alcuna intenzione di manifestare in maniera pacifica. credo che in generale le forze dell’ordine non abbiano nessun interesse a cercare lo scontro perché solo un cretino metterebbe a rischio la propria incolumità per motivi senza senso (a tal proposito trovo improbabile definire indirettamente adeguato lo stipendio di un poliziotto, dal momento che ‘sta gente va per la strada a rischiare la vita per una miseria; un operaio, con tutto il rispetto, rischia molto meno).
    con rispetto penso a giuliani e sandri e alle rispettive famiglie, ma resto allibito di fronte al tentativo di santificazione, che si accompagna alla demonizzazione delle forze dell’ordine.
    l’informazione può essere “oppio dei popoli” anche se a farla non è silvio berlusconi. cerchiamo di isolare le opinioni (nostre o di altri che possano essere più o meno influenti) dai fatti dimostrabili, e forse ci saranno molti più motivi per calmare ogni sentimento negativo.
    verrà forse un giorno in cui si potrà manifestare senza facinorosi e scontri, e di conseguenza – in situazioni di guerriglia urbana – abusi di potere? un giorno in cui si possa andare allo stadio senza vedere tornelli, recinzioni da zoo, trincee e reti fra pubblico e campo, senza risse prima e dopo le partite?
    forse sarà il giorno in cui tutti vorremmo semlpicemente esprimere un’opinione, o gustarci il piacere di una partita di calcio.

  75. in risposta a ciccio
    quello ke tu dici si sente ke esce dalla bocca di un pacifista convinto e ti stimo per questo…per rispondere alla tua domanda retorica: no, non credo ke si riuscirà mai a fare una manifestazione senza facinorosi, una partita di calcio senza scontri etc etc. premesso ke non mi piace il mondo ultras per la sua forte predilezione per “valori” in cui non mi identifico ASSOLUTAMENTE (vedi le svstike o le croci celtike etc etc…). Per quanto riguarda le manifestazioni io credo che ci sarà sempre una parte di manifestanti ke rende pubblica la propria intenzione di creare scontri, vedi quelli ke appaiono direttamente con il passamontagna portato da casa, e una parte di manifestanti ke, invece, il passamontagna lo tiene in tasca, manifesta pacificamente per un po, e poi quando succede qualcosa se lo infilano e si uniscono al gruppo di violenti per creare disordini. Spesso io stesso sono tra questi ultimi. In ogni caso sono rare le occasioni in cui sono i manifestanti a creare per primi i disordini. Rarissimi. I primi ke attaccano un corteo sono le guardie. Nel 90% dei casi. Se sono i manifestanti a creare scontri per primi è solo perkè le guardie hanno fatto qualcosa prima ke partisse il corteo. Apro una parentesi: questo ke ho detto fa riferimento solo al nuovo millennio o poco prima. Non possiamo applicare questo parametro per esempio agli anni settanta, dove capitava ke si partisse in corteo con la precisa intenzione di attaccare le forze dell’ordine o una sede missina o ke so io.

    Tu parli di evitare la santificazione di persone come Giuliani o Sandri. D’accordo per Sandri. La sua vicenda mi ha colpito soprattutto per la follia con la quale si è svolta. Non credo ke il poliziotto verrà punito, lo spero, ma non lo credo.
    Carlo Giuliani non si può assolutamente assimilare a Sandri per un motivo molto semplice: Sandri quando è stato ammazzato aveva appena finito di assaltare un pullman di juventini. Carlo, invece mio caro, stava difendendo il DIRITTO di manifestare, ke in quelle drammatike ore veniva represso nel sangue e nel rumore delle manganellate. Può sembrare una frase fatto o ad effetto. Non lo è. Sulla vicenda di Carlo non mi interessa l’opinione pubblica della gente. Per me è già un santo. E’ un santo non nel senso cristiano-cattolico del termine, ma nel senso laico. E’ un patriota democratico. Difendere la democrazia. Con ogni mezzo, ad ogni costo. La democrazia è quella che ci rende liberi. La democrazia ti fa comprare il giornale la mattina e ti fa leggere le notizie vere, non quelle che vuole un eventuale dittatore o in generale un anti-democratico, ke preferirebbe farti leggere ke va tutto bene e ke non ci sono problemi ( sto parlando per assurdo di un paese dove l’ordine democratico non è messo in discussione da gente come il sognor Berlusconi). Carlo, il giorno che è morto, poteva andare al mare. Anzi stava andando al mare con un amico. Passando per le strade ha visto lo scempio, ha evitato alcune carike della polizia a piazza Manin. Allora ha deciso di lasciare ke l’amico andasse al mare. Da solo. E’ risalito verso via Tolemaide e si è unito ai compagni ke difendevano barricate di fortuna contro l’attacco di bestie impazzite in divisa nera. A questo punto tu mi potresti dire:” e allora tu santifiki tutti quelli ke quel giorno hanno lottato per difendere la democrazia ed il diritto a manifestare!”. No, ti risponderei. Io non santifico nessuno. Glorifico e rendo onore a Carlo Giuliani per il suo coraggio a sostegno non di una giusta causa, ma della PIU’ GIUSTA DELLE CAUSE. Gli rendo onore perchè fino alla fine è rimasto davanti. Perchè non ha mollato. Perchè ha continuato finchè glielo hanno permesso. Perche non so se ho mai visto tanto coraggio in un uomo solo. Perchè credo in quello in cui credeva lui. Perchè se tutti fossimo un po come lui il mondo sarebbe di sicuro un posto migliore.
    Carlo è morto per una causa che poteva tranquillamente considerare non sua. Ma Carlo era di sinistra. Lo sai cosa vuol dire essere davvero di sinistra? Essere di sinistra, davvero, significa fare dei problemi altrui un proprio problema. Cosa ce ne fregherebbe sennò del razzismo? Un negro è stato pikkiato da alcune teste rasate? Sti cazzi si potrebbe dire…E invece no. Si mette su una gigantesca manifestazione e si marcia pacificamente attaccando, solo a parole, ogni tipo di violenze razziste e fasciste!
    Magari dopo finisce ke ci sono scontri o piccole carike o lancio di oggetti verso la polizia o verso sedi di partiti considerati responsabili dell’atto per cui si protesta, ma questo è eventuale. Il punto è ke si prende un problema di un singolo e lo si fa proprio.
    Non smetterò mai di difendere a spada tratta il nome e l’onore di Carlo Giuliani. Racconterò di lui ai miei figli, quando avranno l’età per comprendere quanto sia stato importante il gesto di quel piccolo uomo e quanto siano stati fortunati ed essere nati in Italia, la patria di Carlo Giuliani.

    CARLO VIVE!

    • ma cosa cazzo dici, quello stronzo è morto con il passamontagna in testa stava assaltando (da vigliacco com’era) insieme ad una decina di merde sue pari una camionetta dei carabinieri, vorrei vedere se facevano lo stesso a te o a tua madre o atiuo fratello, coglione.

  76. in risposta a “me stesso”
    senti merdaccia fascista ma tu xke apri bocca e gli dai fiato? se le cose non le sai nn parlare! Carlo il passamontagna l’ha trovato x strada e non se l’è portato da casa. Poi il vigliacco sei tu ke te ne stai bello bello a casuccia tua senza alzare 1 dito x cambiare le cose!! Rispetta almeno chi ci prova, stronzo!!Carlo era di gran lunga più uomo di te!! Il suo sacrificio resterà x sempre nella memoria di quella parte di Italia civile che si ribella ai soprusi di uno stato criminale e capace di arrivare all’omicidio!!

    CARLO E’ VIVO E LOTTA CON NOI!!

  77. Sentenza processo Federico Aldrovandi….

    Me Stesso, sei un coglione… e lo sono tutti quelli che, come te, continuano a difendere questo Paese di merda…

  78. due sere fa, alla festa di radio onda d’urto, qui a brescia, si è tenuta una c0nferenza sulla cosiddetta POLICE BRUTALITY, a cui hanno partecipato i genitori di aldro, il giornalista checchino antonini, che ha anche scritto un libro sulla vicenda di aldro, il capo ultrà del brescia 1911, e paolo, un ultrà del brescia che ha una storia sconosciuta ai più. paolo nel 2005 è andato a verona per seguire la sua squadra del cuore. dopo dei leggeri tafferugli con la rivale tifoseria del verona, paolo e il suo gruppo sono andati in stazione, dove sono stati caricati brutalmente dalla polizia, mentre, per usare proprio le sue parole, non stavano rompendo i coglioni a nessuno. paolo, dopo questa storia è stato in coma per un mese, e, anche se si è salvato, ora è rimasto un pò tocco e fa fatica a camminare. perchè? oh,! ma rendiamoci conto! lui si è visto la vita sputtanata per quelle merde della celere veronese. aldro è morto,MORTO, perchè quelle due cazzo di volanti si stavano annoiando e volevano fare qualcosa. ma si ragiona? e questi vigliacchi, conigli di merda. la madre di aldro ha detto che lei, e tutti coloro che le sono stati vicini da subito sono soddisfatti perchè sulla sentenza si legge la parola CONDANNA. condanna, si, ma a quanto? tre anni e mezzo! come quell’anziano uomo che era stato arrestato per aver rubato dei biscotti al supermercato. non ha senso. e per paolo? per lui non è ancora arrivata manco la sentenza, il processo è ancora lontano. paolo quasi ucciso dalla celere, carlo invece ucciso dai carabinieri, aldro dalla polizia, quella che avrebbe dovuto garantirgli una ritorno sicuro a casa, sandri dalla polizia stradale, quel 19enne marocchino di parma pestato lo scorso anno dai vigili urbani,senza aver fatto proprio nulla….. e gli episodi simili sono tanti.
    per quanto mi riguarda, alla luce di queste cose e dei miei incontri personali, sono sempre convinto che la A. che tu , vinux, metti davanti ad ACAB sia superflua. All Cops Are Bastards!

  79. Avete notato che ogni volta che un destrorso apre bocca parla del mondo che lo circonda come se si trattasse di casa sua o della sua famiglia? Mi riferisco a roba tipo “che faresti se ti entrasse un rumeno in casa a rubare” o “che faresti a un islamico che ti ha stuprato la sorella, non lo ammazzeresti?” o “se tu fossi un difensore dell’ordine e ti trovassi davanti quei comunisti (?) dei manifestanti non li manganelleresti?”
    È questo ipertrofico concetto della proprietà privata che baca lentamente i vostri cervelli e vi spinge a proferire stronzate tipo “padroni a casa nostra”… Ma nostra di chi?
    Sveglia ragazzi, tra poco è il 2010 e il sole è alto nel cielo!

  80. A quel demente che ha risposto a Ciccio : Ma quale pullman di tifosi ? Gabry non ha assaltato niente . la piccola rissa è decaduta in tribunale perchè non c è stato nessuno scontro fisico ! Se ti trovo ,tramite la polizia ferroviaria paghi per queste calunnie !

  81. i perbenisti dominano? ma provate A VIVERE IN strada nn sulle nuvole e vedrete cm funzionano le cose,, ACAB ..vicini a SANDRI CUCCHI ALDROVANDI e speriamo ness altro

  82. sbirri di merda sporchi fascisti del cazzo meritate solo le peggior cose assassini pagati piazzale loreto vi attende!!!!!

    rispetto SOLO per i pompieri

    A.C.A.B

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...