Le verità del nano…

Il seguente video è un’assaggio delle migliaia di balle che il nostro Presidente del Consiglio racconta ogni giorno, senza che nessun giornalista con le palle gli faccia notare quanto false e insensate siano le notizie che egli dà…

In questo video Berlusconi parla ad una gremita piazza, durante uno dei suoi comizi. Tiene sotto il suo braccio un certo Dell’Utri, mafioso, ex-parlamentare condannato (e poi salvatosi grazie al precedente governo Berlusconi), fondatore di Forza Italia e consigliere del nano nella scelta di Vittorio Mangano come stalliere. per la villona di Arcore. Per chi non lo sapesse o facesse finta di non saperlo, Mangano è stato condannato per mafia e si è beccato un paio di ergastolucci, per aver ammazzato tre uomini. Faceva lo stalliere ad Arcore e se ne intendeva di cavalli, non solo gli animali con la criniera, che si cavalcano o, se si vuole, si mettono in mezzo ai panini isoprattutto qua in Sicilia, ma i “cavalli” che nel gergo mafioso indicano “grosse partite di droga”… Nella sua ultima intervista Borsellino confermò ad un giornalista francese che c’è un’intercettazione telefonica in cui Mangano chiede che i “cavalli” vengano consegnati in un albergo a Milano… Io so che i cavalli stanno in stalla e non ero a conoscenza del fatto che ci fossero alberghi speciali in cui le famigliole di cavalli e piccoli pony andassero in vacanza…

Nel video che segue, Berlusconi enumera una serie di cazzate allucinanti che la gente apprezza. Ci sono pure persone che si alzano dalle sedie ed applaudono, sembra di essere allo stadio. Tutti servi. Col cervello lavato, anzi inesistente, o tutti delinquenti idioti e forcaioli… Guardate il video e capirete quanto Berlusconi ci stia fregando e quanto ci abbia sempre e solo fregato in questi quasi 15 anni che è in politica… La tattica che usa è sempre la stessa… Spara cazzate su cazzate, tanto sa che nessuno va a documentare. Colpisce la psiche di coloro che lo ascoltano mettendo in ballo valori sacri come la famiglia, i figli, deviando così il discorso dalla piega che dovrebbe prendere naturalmente, e poi alza il tono della voce, a conclusione del suo monologo. E tutti applaudono… Guardare per credere…

P.S. Successivamente Mangano è stato considerato un eroe dallo stesso Premier. Se lui è stato un eroe, io diventerò Dio…

Annunci

Ecco l’Italia democratica…

Ecco la dimostrazione delle pagliacciate del governo Berlusconi. Un governo di regime, dittatoriale, che, a differenza dello zio Benito, che fucilava i dissidenti, usa i media e la censura, in barba ai diritti fondamentali di ogni cittadino sanciti dalla Costituzione Italiana. L’articolo 21 recita così: “tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”.

Eccovi il video:

Onorevole Barbato: esempio di parlamentare con le palle!

Guardate il video dell’Onorevole Barbato.

Franco Barbato è uno dei parlamentari dell’Italia dei Valori di Di Pietro ed è uno dei pochi politici che fanno il loro lavoro. Nel video che segue potete ammirare come Barbato si arrabbi con i politici fannulloni, accusandoli di aver venduto “il futuro dei giovani”. La grinta e la determinazione che ci mette non le ho mai viste prima. E’ lui il parlamentare modello. Tutti, a mio avviso, dovrebbero essere come lui, tutti!

Uno, dieci, cento, mille Barbato: e l’Italia cambierà!

Etimologia dei cognomi dei politici…

Ieri, sdraiato sul letto, con i chiari solchi delle pieghe del cuscino in faccia, che mi facevano sembrare uno zombie affetto da scabbia, mi sono ritrovato nella fase del fancazzismo più totale (e non dovrei visto che sono sotto esami). La “fase del fancazzismo più totale” per me non è nient’altro che staccare la spina del cervello, che abbandona subitaneamente il mondo reale e si rifugia negli angoli più perversi e demenziali della mia fantasia. Ieri, sarà stato il caldo, sarà stata la noia mista ad un sonno che agiva sempre più spudoratamente sulla mia psiche, la testa mi è andata ai cognomi dei politici. Mi sono chiesto se, in un modo o in un altro, i nostri cognomi dicevano qualcosa sulla nostra reale personalità. Mi sono messo a pensare a Berlusconi, Bossi, Maroni, Fini, Gasparri, Di Pietro, Carfagna, Alfano, Schifani, ecc… Mentre elencavo i cognomi, o meglio mentre lo faceva il mio cervello, visto che io ero paralizzato a letto da più di un’ora, ecco che le immagini empiriche di ciò che stavo elencando si facevano vivide e affioravano come un blocco di ghiaccio che si scioglie e galleggia sulla parte di  se stesso che ha già cambiato stato. Vi faccio una panoramica:

Berlusconi: Deriva dal latino Bis-Luscus, che non significa, come si dice da tanto tempo nella rete due volte losco, ma due volte guercio, cieco da un occhio. Il termine latino “luscus”, infatti, originariamente denotava una persona che non ci vedeva bene. Poi, nella lingua italiana, ha preso la connotazione di “sospetto”, ovvero persona di malaffare. Se analizziamo il cognome del cavaliere (con la c minuscola per mia scelta) dal punto di vista latino la definizione “due volte losco” ci sta proprio tutta. Infatti il non vederci può essere inteso anche come non vedere la realtà dei fatti, avere i paraocchi che impediscono di giudicare perfettamente e con coscienza la situazione sociale, politica ed economica che ci circonda. Ed, in effetti, questa definizione “due volte guercio” spiega esattamente quello che il nostro premier dalle gambe corte e il naso lungo sta facendo: guardare ai propri interessi personali, e non vedere i reali problemi del paese. Lo ha fatto sempre e lo continuerà a fare! Se prendiamo il significato attuale di “losco”, allora possiamo dire che è doppiamente losco.

Bossi: Qua l’etimologia del nome può portarci al latino “buxus”, una pianta medicinale, sempreverde, che cresce in territori aridi e rocciosi, che ha sempre bisogno di una regolare potatura per dargli la forma voluta. In effetti Berlusconi è questo che sta facendo con Bossi (il nome è al plurale). Lo forma, lo modella a proprio piacimento, e lui non accenna alla minima reazione. E’ una pianta!

Maroni: Il cognome del neoministro è chiaro. Vediamo di approfondirlo. Il termine latino “maro” significa letteralmente “amico di Bacco“. Bacco, come saprete di certo, è il dio dei vini e dei vizi. E’ praticamente un dio ebbro, ubriaco. Non credete che Maroni sia perennemente ubriaco e ubriacato dal cavaliere (sempre con la c minuscola, peché sennò gli dò importanza)? Il termine italiano, al plurale, invece indica i genitali maschili. Che sia un coglione pure lui?

Fini: Qua ci troviamo di fronte ad una situazione particolare. Da un lato può derivare dal latino “finitus” (finito), e questa definizione ci starebbe tutta, dall’altro sono poche le certezze su questa scelta perché si pensa che derivi dal germanico “fin” (da cui l’inglese FINE) che significa invece “bello, delicato, sottile, minuto”. Mah!

Gasparri: Senza dubbio possiamo ricollegare il cognome del servo del cavaliere ad uno dei tre Re Magi, che portavano doni a Gesù. E lui è sottomesso al suo Gesù. Inoltre il cavaliere ha espresso più volte di considerarsi un santo, e si è pure paragonato a Gesù, quindi il cognome c’azzecca tutto! Tra i doni che Gasparri ha fatto al suo personal Jesus ricordo il suo nome sulla legge che ha permesso a Berlusconi di continuare a tenere Rete 4 (abusiva) sulle frequenze nazionali fino ad oggi, invece di seguire le direttive dell’UE, che aveva obbligato Rete 4 a trasferirsi sul satellite entro il 2004. Il dono è consistito in una riforma che obbligava tutte le reti televisive a passare al digitale terrestre. Così Rete4 resta dov’è fino a quando non si avrà una copertura del 100% sul territorio anzionale… Come Gesùsconi desidera!

Di Pietro: Potrebbe riferirsi ad uno stato di uomo tutto d’un pezzo, una roccia, di pietra. Ed è sempre stato in questo modo. Fermo e risoluto, sin dai tempi di mani pulite. Ma il cognome può indicare un rapporto particolare con Pietro, il “braccio destro di Gesù” (quello vero), per così dire, che tiene in mano le chiavi del Paradiso. Forse con l’opposizione che sta facendo (sono dichiaratamente dipietrista :-D) solo lui può restituirci il “paradiso” in Italia… Paragone azzeccato!

Carfagna: Della bella Ministra delle Pari Opportunità non ho trovato analogie con il latino, ma, alla luce dei fatti che la stanno coinvolgendo, intercettazioni telefoniche tra lei e il premier, che la crederebbero capace di fare un bel pom**no al cavaliere (che schifo!), il quale, per sdebitarsi di cotanta passione, le avrebbe dato il ministero, mi viene solo un’associazione spontanea:

CARFAGNA<->CA(RFA)GNA

Alfano: Il ministro della giustizia dell’attuale governo, che ha dato il suo nome e la sua faccia ad un altro dono recente al cavaliere, quello relativo all’immunità da processi per le alte cariche dello Stato (e solo Berlusconi ne aveva bisogno, visto che è coinvolto in 4 processi), si può semplicemente paragonare ad un sicario, esecutore degli ordini del suo boss. E’ siciliano, punto a favore di questa tesi nell’immaginario collettivo, e somiglia un po’ ad Al Capone. Per questo lo chiameremo Al Fano. Fa paura non è vero? Già mi immagino la scena. L’agrigentino si presenta ai magistrati ed esordisce: “m’ata scassatu la minchia! U picciottu ha travagghiari, nun ci putiti rumpiri i cugghiuna cu sti processi!” (chiaro riferimento a Berlusconi). Traduzione: “Mi avete rotto il pene! Il ragazzo deve lavorare, non potete rompergli i maroni con questi processi!” Ecco Al Fano e Al Capone messi a confronto:

Schifani: Il nome dice tutto. Schif-ani, e gurdandolo in faccia si capisce perché si chiami così. Tra l’altro Travaglio lo ha accostato ad un lombrico. Servito!

Discorso di Di Pietro sul pacchetto sicurezza del 15/07/08

Ascoltate attentamente quello che viene detto in questo discorso:

Ed ecco la trascrizione del tutto:

“Sig. Presidente del Consiglio, anche oggi Lei non c’è!
Lei continua a chiedere al Parlamento la fiducia alla sua persona e nel suo operato e però continua a non farsi vedere.
E non venga a dirci che è impegnato altrove perché Le posso assicurare che noi possiamo pure aspettare qualche ora o qualche giorno pur di vederLa in aula.
Ma forse Lei semplicemente non ritiene di presentarsi perché considera il Parlamento così alle sue dipendenze da non avere nemmeno bisogno di venire di persona per chiedere la fiducia.
Nell’uno o nell’altro caso, noi dell’Italia dei Valori, non siamo affatto disponibili a dargliela la fiducia perché si comporta come uno che ha due facce: una davanti ed una di dietro.
Con quella davanti, dice agli italiani che questo decreto serve per meglio combattere la criminalità ma con l’altra faccia – quella di dietro – spunta le armi e toglie i mezzi finanziari e gli strumenti operativi alla Magistratura ed alle forze dell’ordine che la criminalità, poi, devono realmente combatterla e contrastare tutti i giorni.
Ecco allora alcune perle del suo operato di cui è bene che i cittadini italiani prendano coscienza e conoscenza.
Lei dice che vuole dare sicurezza ai cittadini ma contestualmente ha appena emanato un decreto con cui sono stati previsti per il prossimo triennio tagli per oltre 700 milioni di euro dai capitoli del Ministero dell’Interno e di oltre un miliardo di euro dal Ministero della Difesa impedendo così l’acquisto di autovetture, carburante, munizioni, divise e ogni strumento utile per garantire la sicurezza dei cittadini.
Lei dice che vuole utilizzare l’esercito in pattuglie miste con le forze dell’ordine ma poi con l’altro decreto dispone una riduzione netta nel triennio dell’organico sia della Polizia di Stato (circa 7000 unità in meno), che delle altre forze dell’ordine, militari compresi, per un totale di quasi 40.000 unità.
Lei dice che vuole la carcerazione per i clandestini e poi non solo nulla ha disposto per l’edilizia penitenziaria ma addirittura ha tagliato i fondi attualmente stanziati per la manutenzione delle carceri. A meno che non pensi di mettere i delinquenti che dice di voler combattere a Villa Certosa!
Peggio ancora ha fatto e sta facendo con l’Amministrazione della Giustizia.
Lei dice che vuole una Giustizia più efficiente ma poi si limita solo a caricare i magistrati di altro lavoro senza assegnare loro le dovute risorse ed i necessari strumenti.
Anzi toglie loro anche quel poco che hanno.
Infatti, per far fronte ai mancati introiti conseguenti alla eliminazione indiscriminata dell’ICI, ha tolto con il recente decreto legge n. 93 quasi 60 milioni di euro dai fondi già assegnati dal precedente Governo al Ministero della Giustizia ed oltre 100 milioni di euro da quelli già assegnati al Ministero dell’Interno.
Beh, no: qualcosa per la Giustizia Lei ha fatto anche con questo decreto legge.
Per la Giustizia che serve a lei ed agli amici suoi ovviamente non per il bene del paese.
Sì perché ha fatto inserire nel pacchetto sicurezza una norma che con la sicurezza non c’azzecca nulla ma che serve ancora una volta a Lei ed a tale David Mills – coimputato con lei nel processo di Milano – per corruzione in atti giudiziari.
Mi riferisco alla possibilità prevista nell’odierno decreto legge di richiedere il patteggiamento anche per i processi già in dibattimento e dopo che tale procedura era già stata respinta o comunque non richiesta nella fase precedente al dibattimento stesso.
La ratio della norma originaria sul patteggiamento è nota: ridurre di un terzo la pena a coloro che non fanno perdere tempo alla giustizia patteggiando la pena subito e prima del processo. In tal modo si risparmia tempo ed il giudice non deve – anzi non può – nemmeno motivare sulla colpevolezza o meno dell’imputato che ha patteggiato.
Lei si è attaccato a questa giusta norma per inserirvi oggi il solito “emendamento salvapremier” anzi, nel caso di specie, “salva amici del premier”.
Con l’odierno escamotage – inventato dai suoi consiglieri e difensori che una ne fanno e cento ne pensano – oggi lei dà la possibilità anche al suo complice Mills di patteggiare la pena, nonostante il processo sia praticamente finito e quindi senza alcun risparmio per i tempi processuali.
Si dirà: e con ciò? Eh no: così il giudice non potrà più pronunciarsi sulla sua colpevolezza e quindi neanche pronunciarsi sul concorrente del reato e cioè Lei.
La questione non è di poco conto giacchè – in caso di condanna di David Mills – si sarebbe posto un grosso problema di permanenza da parte sua al Governo, sig. Presidente, perché ciò avrebbe comportato anche una sua condanna politica e morale!
Non c’è che dire, davvero una bella trovata, sig. Presidente del Consiglio che non c’è!
E non importa se – per ottenere ciò – lei sta facendo emanare una norma che di fatto si traduce in un ulteriore indulto mascherato ed addirittura nella impossibilità di mandare in galera coloro che in questi anni hanno commesso reati gravissimi per i quali dovrebbero essere condannati addirittura ad una pena effettiva fino a 7 anni e mezzo.
Sì è così, basta fare un po’ di calcoli!
A chi risulta essere condannato fino a 7 anni e mezzo – e quindi anche per i rapinatori, ladri, estorsori, spacciatori di droga e stupratori – con il patteggiamento, dovendosi applicare la riduzione di un terzo, la pena scenderebbe a 5 anni.
Poi – siccome nel frattempo è stato emanato l’indulto devono essere scontati ulteriori tre anni.
Ne rimangono due, per i quali è previsto dalla legge l’affidamento ai servizi sociali.
Ecco, ancora una volta dimostrata la sua doppia faccia: a parole dice di voler combattere la criminalità, nei fatti non esita ad allargare le maglie della giustizia e mandare per strada fior fiore di delinquenti pur di ottenerne qualche vantaggio personale.
Noi dell’Italia dei Valori ribadiamo il nostro dissenso su questo decreto legge non solo perché lei ancora una volta l’ha travisato e rigirato a suo uso e consumo ma anche per alcune perle di ingiustizia sociale ivi contenute, fra cui, soprattutto: l’aggravante razziale, che prevede un aumento di pena nel caso che a commettere un delitto sia un extracomunitario. Noi riteniamo che i delinquenti siano tutti uguali e che – per una giovane violentata o una vecchietta rapinata – non faccia alcuna differenza se subisce la violenza o la rapina da un italiano o da un extracomunitario. Sempre lo stesso dolore e la stessa umiliazione prova e noi vogliamo punire i colpevoli allo stesso modo e non con lo “sconto” se è un ariano italiano.
Non ha senso poi neppure la norma blocca processi nella sua attuale configurazione giacchè è solo un rinvio di una emergenza che c’e’ e che lascia i tribunali ingolfati allo stesso modo in cui si trovano oggi.
Anzi li ingolfano ancora di più perché comunque dovranno farsi centinaia di migliaia di notifiche sia agli imputati per permettere loro di non usufruirne sia alle parti lese che vogliono azionare le cause civili. E fra un anno saremo sempre allo stesso punto di partenza.
Ancora più assurda consideriamo la schedatura con le impronte digitali ai bambini extracomunitari. Anzi la consideriamo un vero e proprio comportamento xenofobo che non fa onore al nostro paese e che ci riporta ai tempi bui dell’olio di ricino, di cui lei ogni giorno di più si pone e propone come degno prosecutore.
Per tutte queste ragioni l’Italia dei Valori Le nega convintamene – con il cuore e con la mente – la fiducia.”

Se avete ancora gli occhi appannati, o avete ancora i cetrioli sulle palpebre, dopo un trattamento di bellezza, o avete ancora in testa i meloni che avete visto al mercato ieri, vi consiglio caldamente di guardare questo video, che riassume tutto quello che NON è stato fatto da Berlusconi e i suoi schiavi servi senza dignità! Perché è oggettivo, dati alla mano, che quello che si sta cercando di ripristinare in Italia è la loggia P2. Chi volesse informazioni su qesta “setta massonica”, che di setta non ha avuto proprio niente, visto che era un vero e proprio governo alternativo, può trovare informazioni qua.

Dicevo che l’obiettivo di questo governo e del suo tiranno è quello, palese palese, di poter mettere in ginocchio la magistratura, per non avere più rotture di palle. Il programma “vero”, non quello ufficiale (che non è ancora stato rispettato in nessun punto), è proprio quello di restaurare la P2. Silvio Berlusconi ha fatto parte della P2 con una tessera numero 1816. E’ stato pure processato e ha negato, sotto giuramento, di averne mai fatto parte. Ha detto “falsa testimonianza”, ed è stato “salvato” perché in corso c’era l’amnistia. Era il 1990 (informazioni qua).

Tra le altre cose Licio Gelli affermava: « Il vero potere risiede nelle mani dei detentori dei mass media[1] ». E chi, più di Berlusconi, detiene il CONTROLLO TOTALE dell’informazione?

Io non riesco a capire come può un essere umano dotato di ragione, votare un essere ripugnante come Berlusconi. Berlusconi è paragonabile ad un lombrico, e chi lo vota agli escrementi di quel lombrico.

Ed è brutto essere la merda di Berlusconi! A meno che non si sia masochisti, e, purtroppo, l’Italia è formata per il 60% da masochisti. E mi dispiace vedere all’interno di questi masochisti amici miei, che danno il voto a Berlusconi o perché è il presidente del Milan, o perché gli ha tolto il militare nella scorsa legislatura! Vergogna!

Lettera aperta di un leghista a Umberto Bossi…

Umberto,
mi permetto di darti del tu, ti ho seguito dal 1987 da quando disegnavi le galline per i manifesti di Roma Ladrona, oggi sei scappato di casa, ma io comunque ti aspetto. La porta è aperta. Non ti voto più da quando sei andato con Berlusconi, quello che chiamavi il mafioso di Arcore e allora, se ricordi, tutta la base era d’accordo con te. Non so perché lo hai fatto, non credo per i soldi, per i miliardi che avrebbe usato per comprarti e non credo neanche che tu abbia avuto paura di minacce di morte per te e per la tua famiglia da parte della mafia. Sono cose che si dicono. Sono convinto che abbiano cercato di comprarti e di intimidirti, ma per me tu non sei uno in vendita e hai sempre avuto un certo coraggio.
Io credo che tu abbia abbandonato la Lega delle origini per motivi tattici, per arrivare più presto al federalismo e per questo hai fatto un patto con il diavolo, con chi rappresenta l’esatto contrario della Lega, l’uomo di Dell’Utri e di Licio Gelli, il figlio di Bettino Craxi, l’erede di quell’Andreotti che abbiamo mandato a fanculo nel prato di Pontida in quarantamila quando al vaffanculo Beppe Grillo non ci pensava ancora. Il vaffanculo lo ha inventato la Lega, lo hai inventato tu.
Io penso che Berlusconi, scusa il termine, abbia fottuto te e la Lega e abbia incassato solo lui. Gli hai regalato cinque anni di governo senza cavare un ragno dal buco. Mentre lui ha fatto le leggi per sé, la Lega non ha ottenuto niente, meno di zero. Adesso hai promesso che porterai a casa il federalismo fiscale, se lo otterrai avrai avuto ragione tu. Ma non te lo faranno fare. Non possono chiudere per fallimento il Centro Sud che vive delle tasse della produzione del Nord, ci sarebbe la rivoluzione in Sicilia, in Calabria, in Campania dove le uniche imprese importanti sono la Regione, le province e i comuni. Morirebbero di fame. Il federalismo fiscale avrebbe come conseguenze la rivoluzione e la secessione. Tu lo sai benissimo, e lo sanno anche loro.
Da quando sei con Berlusconi la base ha dovuto ingoiare dei rospi, ma in questa legislatura sono rospi giganti: i sussidi pubblici all’Alitalia, il Ponte di Messina, la spazzatura di Napoli portata al Nord. In tre mesi avete discusso solo di leggi per evitare i processi a Berlusconi, la sicurezza dei cittadini della campagna elettorale è stata sacrificata all’impunità di Berlusconi. I rom c’erano prima e ci sono adesso. I clandestini sbarcavano prima e ora pure. L’unica tassa che rimaneva ai comuni del Nord, l’ICI, è stata cancellata. Le imprese del Nord chiudono, la Lega lo sa bene, per la pressione fiscale, gli anticipi dell’IVA mai rimborsati, l’IRAP e per le mille rotture di balle della burocrazia italiana.
Le nostre aziende chiudono, Umberto, e tu passi il tempo a parare il culo a Berlusconi sperando nel federalismo. Una volta che Berlusconi avrà sistemato i suoi problemi giudiziari potrai scordarti il federalismo fiscale. Spero (lo spero veramente) di sbagliarmi, ma ti troverai con un pugno di mosche in mano e il movimento sfasciato. Se alzerai la voce, Berlusconi ti scaricherà e imbarcherà Veltroni o Casini o tutti e due. E tratterà te e la Lega sulle sue televisioni come oggi tratta Di Pietro.
Mi ricordo una volta nell’Oltrepò Pavese eravamo in trenta ad ascoltarti, parlasti per quelle poche persone per ben due ore. Ci spiegasti come la Chiesa intimidiva i liberi pensatori e come bruciava gli eretici. Sabina Guzzanti avrebbe preso appunti, al tuo posto rimane un’educanda. Non è mai troppo tardi per ritornare indietro da una strada sbagliata.” Dante

Il testo che avete appena letto è stato pubblicato sul sito di Beppe Grillo e dimostra che esistono ancora, e meno male, persone dotate di capacità logico-razionale. Dante non accetta tutto quello che questo governo sta facendo come invece fanno tutti gli altri solo e semplicemente per il fatto di essere di destra. Essere di destra o di sinistra indica modi particolari di pensare il mondo, di analizzarlo, di risolvere i problemi. Ma questa destra non è destra. E’ fascismo, nazismo, dittatura, censura, controllo delle menti, ingiustizia…

Spero proprio che, come c’è Dante, ci siano anche altre persone dotate di spirito d’osservazione (e non c’è bisogno nemmeno che sia acuto) che capiscano che votare e appoggiare Berlusconi solo perché si è di destra è la cosa più assurda che si potesse fare!

Popolo di destra: SVEGLIATI!

Finalcial Times del 26/06: O no! Non di nuovo!

Traduzione:

Ancora una volta Berlusconi si focalizza su se stesso, non sull’Italia!

Silvio Berlusconi è al potere in Italia da 50 giorni. Guardare il suo nuovo governo in azione è come stare seduti a vedere un vecchio e brutto film già visto. Quando il leader di Forza Italia ha governato l’Italia l’ultima volta dal 2001 al 2006, ha speso troppo tempo a legiferare per proteggere sé stesso dai procedimenti giudiziari e troppo poco per riformare l’economia italiana lumaca. Certamente è ancora troppo presto per dare giudizi. Ma l’ultima prova del governo di Berlusconi ha già i connotati di un’altro show dell’orrore.
Ancora una volta, il settantunenne primo ministro sta spendendo molta della sua energia politica legiferando per proteggersi dai pubblici ministeri italiani. Vuole fare approvare una legge che sospenderebbe per un anno molti processi le cui sentenze  prevedono condanne inferiori ai 10 anni. Se questa legge verrà approvata, un processo previsto per il mese prossimo, nel quale il signor Berlusconi è accusato di aver pagato 600.000 dollari al suo avvocato inglese David Mills, verrà affondato. Non c’è bisogno di dire che l’opposizione ha bollato la legge come “Decreto Salva-Premier“.

Ma Berlusconi non si ferma qui. Sta cercando di introdurre una legge che darebbe l’immunità da processi alle alte cariche dello Stato, incluso sè stesso. Una legge del genere sarebbe impensabile in molti stati occidentali, ed è stata dichiarata anticostituzionale dalla Corte Costituzionale italiana quando, nel 2004, ha provato ad introdurla. Ora, ritornato al suo ufficio, Berlusconi ci riprova. Tutto ciò desterebbe un modesto interesse se Belrlusconi ci mettesse la stessa energia per riformare la lumaca economia italiana. Ma anche qua le paure crescono. L’ultima volta che è stato al potere, l’errore più grave che avesse potuto fare è stato lasciare incontrollata la spirale dei debiti e del deficit. Ci si domanda se stiamo per rivedere la stessa cosa. La scorsa settimana il governo Berlusconi ha introdotto un budget che risanerà il deficit pubblico passando dall’1,9% del prodotto interno lordo del 2007 al 2,5% del 2008. Tale crescita può essere giustificata da una crescita economica bassa; ma non c’è ancora traccia di un controllo sulla spesa pubblica attuale da parte del governo. Per il bene dell’Italia, i miglioramenti devono partire da qui. La nazione ha una delle più basse crescite economiche della zona-euro. C’è bisogno di un governo serio e responsabile per invertire il processo. Ieri il signor Berlusconi ha affermato che i Pubblici Ministeri italiani lo hanno sottoposto ad un calvario senza fine. Ma l’unico calvario a cui sia mai stato sottoposto qualcuno in questa storia è quello sopportato dall’Italia, che necessita una drammatica inversione di tendenza delle sue sorti politiche ed economiche.

Traduzione di Vincenzo Nuzzarello